List

Qualche tempo fa mi fu proposto (dal prof. Vincenzo Aversano) un titolo suggestivo per un’ipotesi di ricerca: “Lavoro/ozio come contesto di gemmazione musicale e legata al canto della tradizione popolare folkloristica”, verificando al contempo i lavori del musicologo americano Alan Lomax, di cui esistono riscontri spesso solo in inglese.

Elaborai una serie di riflessioni, che ampliate riporto in questo intervento.

Occorre una breve premessa per parlare di musica popolare, delle diverse tradizioni musicali che vanno al di là della musica colta europea e comprendono espressioni legate ai gruppi etnici o sociali: questo tipo di musica è tramandata per tradizione orale ed è legata alle specifiche comunità.

Le differenze tra musica colta e popolare si basa su alcune distinzioni: oralità e scrittura; contesti (luoghi e occasioni); elementi creativi ed esecutivi.

La musica colta, ovvero la storia della musica occidentale, è dotata di notazioni musicali che servono a mettere i suoni su carta. Per quanto riguarda la tradizione popolare non ci sono testi scritti ma brani che vengono poi trasformati dall’esecuzione dell’artista che li tramanda oralmente alle generazioni successive. Non esiste rappresentazione grafica della musica, che è al contrario frutto di memorizzazione orale non sempre semplice o di facile esecuzione.

Il secondo elemento è legato all’occasione e al luogo: una musica è parte integrante di un rito religioso, oppure di un canto di lavoro. È un’azione funzionale che non ha valore in sé ma ha rilevanza per i partecipanti che eseguono un avvenimento o un’attività collettiva.

Per quanto riguarda creazione ed esecuzione, la musica colta è creata dal compositore, poi fissata su carta ed infine eseguita dall’interprete e concessa al pubblico. La musica popolare non ha distinzione di ruoli tra il compositore e l’interprete; i brani sono eseguiti magari dimenticando il primo autore ed ogni musicista li reinterpreta a seconda della libertà di espressione. Così un canto si modifica nel tempo sommando le varianti dei vari cantori.

Detto tutto ciò, è interessante rilevare che l’ambito di ricerca di questo tipo di musica è quello dell’etnomusicologia: lo studioso si avvale dell’ascolto e presta attenzione al suo luogo d’origine. Ad esempio, un occidentale trova difficoltà ad orientarsi tra le intricate strutture ritmiche delle orchestre di percussione dell’Africa centrale.

Questi motivi rendono affascinante il mondo musicale popolare, soprattutto perché apportano una migliore comprensione dei popoli ed approfondiscono la conoscenza di una certa cultura. Per tutte queste ragioni, una ricerca sul campo sarebbe forse interessante per ampliare conoscenze che solo all’apparenza possono essere considerate esaustive.

Le ipotesi potrebbero partire proprio dal contesto, limitando il campo alla cultura popolare italiana della seconda metà del novecento, con l’importanza dei lavori di Annabella Rossi, Roberto De Simone, Luigi M. Lombardi Satriani, A.M. Cirese, A.M. Di Nola (i principali), e tanti altri studiosi di cui è ricca la tradizione popolare. E ciò, partendo dall’evidenza che il momento del non lavoro e del vivere le occasioni festive è quello in cui si esplicitano le occasioni canore e musicali.

Se si vuole indicare la tradizione etnomusicale italiana, riporto i lavori: Guizzi F., Guida alla musica popolare in Italia. Vol. 3: Gli strumenti della musica popolare in Italia, Libreria Musicale Italiana, 2002; Buonasera T., Musica e folklore di Sicilia. Cori di Val d’Anapo. 81 anni di storia, Morrone Editore, 2013; Disoteo M., Ritter B., Tasselli M.S., Musiche, culture, identità, FrancoAngeli, 2001; Plastino G., La musica folk. Storie, protagonisti e documenti del revival in Italia, Il Saggiatore, 2016; Grauer V., Musica dal Profondo. Viaggio all’origine della storia e della cultura, Codice Edizioni, 2015; Grossi G., Antropologie. Trecento e passa canzoni folk, Editore Zona, 2017; Colitti G., Cantare per comunicare, Lavegliacarlone, 2017.

Diego Carpitella e Maurizio Agamennone hanno compiuto studi particolarmente efficaci. Quest’ultimo ha anche rivolto il suo sguardo al Canto delle Confraternite cilentane: Varco le soglie e vedo. Canto e devozioni confraternali nel Cilento antico, con CD Audio, Squilibri, 2019. Carpitella ha rilevato soprattutto la sintonia tra i termini “popolare e contadino”, in cui i canti sono da intendere come poesia cantata e non recitata, e l’identità etnica deve tener conto dell’invenzione di nuovi linguaggi nel legame con le condizioni di vita (contesto). (Bartòk B., Scritti sulla musica popolare, a cura di Carpitella D., Bollati Boringhieri, 2020) Per lui, occorre considerare che il canto popolare è un prodotto unitario: le parole e i suoni sono elementi equivalenti e della medesima importanza; la natura del canto popolare va inteso come valore espressivo; il rapporto tra i canti popolari e i canti d’autore è molto stretto; le interpretazioni musicali e le variazioni canore vanno considerate nel loro insieme; infine, è da evidenziare l’importanza dei canti nella comunità, i rapporti tra i canti e la vita collettiva. Il compositore si appropria del linguaggio dei contadini e lo domina, così come il poeta fa con la lingua. (Ivi, p. 19)

Dunque, la musica popolare è da inserire in un quadro storico più ampio e generale, in cui è di rilievo la manifestazione collettiva con importanti differenze tra musica cittadina e contadina, in cui la seconda si avvale di melodie, di carattere e struttura uguali, diffuse nelle espressioni della sensibilità musicale della classe contadina. (Ivi, pp. 74-76)

Ho citato queste brevi riflessioni di Diego Carpitella, contenute nel libro di Béla Bartòk. Riporto altri riferimenti: Agamennone M., Di Mitri G.L., L’eredità di Diego Carpitella. Etnomusicologia, antropologia e ricerca storica nel Salento e nell’area mediterranea, Atti del Convegno (Galatina, 21-23 giugno 2002), Salento Books, 2003; Giurati G., a cura di, Incontri di etnomusicologia. Seminari e conferenze in ricordo di Diego Carpitella, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, 2007; Agamennone M., Musica e tradizione orale in Salento. Le registrazioni di Alan Lomax e Diego Carpitella (1954), con 3 CD-Audio, Squilibri, 2017; Orlandi B., Tratti della ricerca antropologica di Diego Carpitella. Un dialogo a più voci, Nuova Cultura, 2010.

Alain Lomax,l’antropologo ed etnomusicologo nato nel 1915 ad Austin (Texas) e morto nel 2002 a Holiday (Florida), una delle personalità più influenti della cultura del XX secolo, tra il 1953 e il 1954 in Italia collaborò proprio con Diego Carpitella, registrando sul campo molti canti popolari soprattutto abruzzesi, ed in particolare: La Partenza del pastore e il lamento funebre dello Scura maje. Della sua permanenza in Italia, si hanno riscontri nel lavoro: L’anno più felice della mia vita. Un viaggio in Italia (1954-55), Il Saggiatore, 2008. In italiano, anche: Mister Jelly Roll. Vita, fortune e disavventure Jelly Roll Morton, creolo di New Orleans, «inventore del jazz», Quodlibet, 2019; La terra del blues. Delta del Mississippi. Viaggio all’origine della musica nera, con CD Audio, Il Saggiatore, 2005.

Lomax attraversò il Paese, dalla Sicilia, alla Calabria e fino al Friuli, e poi di nuovo giù per la penisola fermandosi in Campania.  Il tutto tra vecchie lamentatrici, contadini lavoratori delle vigne, pescatori che cantano mentre si passano la rete di mano in mano, cantori delle miniere di zolfo e suonatori di tamburo calabresi, che fanno partire la tarantella mentre le donne felici danzano. Nel 1954, convinto che l’Italia sarebbe stato il laboratorio ideale per associare contesto e stile della voce, eccolo soffermarsi dinanzi alle immagini di donne dagli sguardi luminosi e bassi con in braccio bambini dalle guance scavate.

Scrisse: “La gente lavora a giornata, quando c’è lavoro: si alza quand’è ancora buio e deve camminare per tre o quattro ore su difficili sentieri di montagna per raggiungere i campi da coltivare”. Non solo canzoni e suoni, ma una vera e propria ricerca sociale, una testimonianza dal vivo.

Per integrare le idee di Lomax, riprendo uno scritto curato da Ronald D. Cohen: “Alan Lomax. Selected writings” 1934–1997, Routledge New York – London, 2003, in inglese, Capitolo 14 – Musica popolare italiana con Diego Carpitella, 1955.

Riporto alcuni passaggi significativi di Lomax che così si è espresso sul modello di canto popolare italiano che all’epoca resisteva al cambiamento più di “qualsiasi altro tratto culturale”.

Scrive l’autore:

«Il cambiamento arriva solo quando altri modelli alterano il carattere etnico di una regione … sconvolgendo la struttura della vecchia società. L’Italia ha il canto popolare più completo e ricco di storia». A questo punto fa l’esempio del triplo oboe portato in Sardegna dai Fenici. Poi si riferisce alla «tarantella, il ballo del sud, e il saltarello, il ballo dell’Italia centrale, sembrano risalire all’epoca classica». Sono queste espressioni legate allo stile più antico ancora molto in uso.

«Dal primo Medio Evo e da periodi molto antichi, tante canzoni sono state recuperate dai cantanti contemporanei. Forse le registrazioni più interessanti tratte dal lavoro sul campo (…) sono quelle del maggio, recuperate nelle montagne a nord di Firenze; queste opere popolari primitive risalgono a prima che l’opera moderna prendesse piede a Firenze, e, quasi certamente, lo spettacolo è rappresentato com’era agli inizi».

Il carattere arcaico della musica rurale italiana è evidenziato dagli strumenti più comuni. Qui parte l’elenco degli stessi: «In ordine: il tamburello, che era lo strumento più popolare dei greci; il flauto di legno o di canna, anch’esso di origine greca; la cornamusa; l’arpa mascellare e a tamburo e frizione (molto probabilmente influenzato dai Mori); la chitarra; il violino; e, di recente, al posto di tutti gli altri, la fisarmonica. Nel secolo scorso, la musica con banda di ottoni è diventata uno standard in quasi tutte le feste italiane».

Le influenze sono state evidenti: «Molti hanno invaso questa bellissima terra fin dai tempi dei romani e ovunque ci sono esempi di canti popolari in cui sono evidenti queste invasioni. Ci sono comunità musicali moresche vicino a Napoli, reliquie dell’invasione dei Mori nell’VIII secolo. In Puglia e in Sicilia si trovano canti folk in dialetto greco bizantino, importati intorno al XIII secolo».

Le tracce degli Spagnoli sono presenti in tutto il sud, ma tante sono state le influenze: «le canzoni dal confine nord-orientale fino alla punta estrema della Calabria, testimonianza di una lenta migrazione popolare da tutto l’Adriatico che è andata avanti per secoli. Infine, in tutte le Alpi italiane, dove le popolazioni sono miste, ci sono anche influenze musicali decisive dai paesi del nord».

Eppure, questi esempi sono successivi e si sono mescolati ad un modello italiano preesistente: «A nord fino alla pianura padana, l’Italia è terra di canti solistici e voci stridenti. Dall’Appennino alle Alpi, canti e balli sono normalmente eseguiti in gruppo; le voci si fondono in una facile armonia. Nella Sardegna centrale, tra un popolo che ha conservato dal Neolitico tracce culturali fino ai tempi moderni, si trova uno stile vocale polifonico che è probabilmente precristiana e potrebbe essere il tipo più antico di polifonia europea».

Ad ogni modo, sia la Spagna, «terra di monodia fino ai Pirenei e, oltre, terra di canti di gruppo e voci aperte», che l’Italia meridionale si ispirano «al Vicino Oriente, e la famiglia dei canti orientali delle parti settentrionali di entrambi i paesi attingono al più vecchio repertorio europeo. Laddove questi schemi si rompono, una causa storica recente si trova quasi sempre, come nel caso del polifonico albanese, che si è insediato nell’Italia meridionale; ma la spiegazione di queste tendenze va cercata nel carattere delle società che sono state dominate fin dall’antichità».

La peculiarità italiana, sostiene Lomax, è riscontrabile fin dal Rinascimento, quando «la musica contadina italiana (…) ha vissuto quasi senza contatto con i grandi flussi di musica d’autore italiana. Ha seguito il suo corso, sconosciuto e trascurato, come un grande fiume sotterraneo. In effetti, questo iato tra arte popolare e belle arti è uno dei tratti distintivi della storia culturale italiana. Per molti secoli fino al periodo risorgimentale c’era poca circolazione nazionale della cultura, e l’Italia è stata divisa in un gran numero di province e regioni, ognuna delle quali ha sviluppato il proprio dialetto e le sue proprie canzoni. Le cause erano varie: una geografia complessa, mancanza di unità politica, la conquista di varie parti d’Italia da parte di stranieri poteri e la precoce fioritura della cultura urbana».

Se le città italiane svilupparono una cultura alta, «le cui radici furono nella civiltà del passato classico (…) i contadini delle colline e dei villaggi furono lasciati alle loro vecchie abitudini: questa divisione tra città e campagna, che tuttora persiste, diede origine anche a una canzone urbana, realizzata da e per la classe artigiana popolare. Sono queste le canzoni artigianali che fino ad ora erano considerati canti popolari italiani».

Lomax chiudeva alla metà del novecento con l’auspicio che il nostro canto popolare così ricco «forse può svolgere un ruolo importante nella crescita di una nuova cultura italiana».

2 Responses to “Il canto popolare folkloristico e la visione di Alain Lomax (appunti ed ipotesi di ricerca)”

  1. Luigi Leuzzi

    Complimenti vivissimi …la musica trascende lo stallo antropologico ed introduce valori di trasformazione ineludibili sebbene li concili sempre con un atavico conservatorismo.
    In altri termini una immanenza densa di accadimenti futuribili.

    • Pasquale Martucci

      La creazione come superamento della conservazione e sguardo al futuro … Ipotesi molto interessante e suggestiva. Sarebbe un filone di ricerca da indagare. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 25
Gennaio 5th, 2022

La cilentanità e l’identità dei soggetti

Più volte ho letto tentativi di disconoscere il passato, fondamento di una cultura, o quanto meno di cercare di considerare […]

Novembre 9th, 2021

Epistemologia della mediazione: conflitti, relazioni, complessità.

Riflessioni e spunti dal Congresso AIMS di Rimini del 5 e 6 novembre 2021, dal titolo: “La sostenibile pesantezza del […]

Settembre 4th, 2021

Cilentanità – Cunti e credenze

Il Cilento è stato da noi studiato (1) attraverso gli elementi che caratterizzano la cultura popolare, in quanto si tratta […]

Agosto 25th, 2021

La reliquia della croce

Giovedì 26 agosto 2021 Ore 18:30 presso la Chiesa dei SS. Giorgio e Nicola – Postiglione (SA) Presentazione del libro: […]

Agosto 21st, 2021

Un Laboratorio di confronto epistemologico

“AUT AUT” ha compiuto 70 anni. È una rivista, che continua ad accompagnare il pensiero critico italiano, fondata nel 1951 […]

Agosto 15th, 2021

Reliquie

“L’uomo ha sempre sentito il bisogno di appoggiare la sua fede a qualcosa di concreto e di tangibile che faccia […]

Agosto 13th, 2021

CIAO GINO

“I diritti degli uomini devono essere di tutti gli uomini, proprio di tutti, sennò chiamateli privilegi“. “Io sono contro la […]

Agosto 10th, 2021

Giuseppe Di Vittorio. Valori, diritti, lavoro e cultura.

“Io non sono, non ho mai preteso, né pretendo di essere un uomo rappresentativo della cultura. Però sono rappresentativo di […]

Agosto 8th, 2021

Italiani per scelta

Quando lo sport diventa vincente, scopriamo che siamo tutti italiani, a prescindere dal colore della pelle, e ci commuoviamo ed […]

Agosto 5th, 2021

Cilentanità – linguaggio

Il linguaggio è uno degli elementi che caratterizzano un territorio e gli conferiscono una propria tipicità. Ed allora, in questo […]

Luglio 25th, 2021

Lo studio dei fenomeni di Husserl e Schütz

La fenomenologia è scienza contemplativa, apofantica (nella ragione si rivela l’essere), rigorosa (perché fornita di fondamenti assoluti), intuitiva (coglie le […]

Luglio 22nd, 2021

Majorana, Cilento: un dibattito aperto

Il 25 Luglio 2021 alle ore 20:00, nell’ambito della Rassegna di “Libri Meridionali, vetrina della piccola editoria del Sud 2021”, […]

Luglio 19th, 2021

Web e umanità

“Non siamo schiavi del web, bensì della nostra pigrizia, o più precisamente della nostra ignavia, che ci impedisce di pensare […]

Luglio 4th, 2021

Cantori e cuoratori del passato

“Non sanno quello che dicono i cantori della cultura contadina e della madre terra!”, ovvero un mondo patriarcale e violento, […]

Luglio 1st, 2021

Repubblica delle Idee 2021

Il Festival di Repubblica compie dieci anni e festeggia a Bologna dall’8 all’11 luglio tra dibattiti, interviste e spettacoli. Un ampio programma che toccherà […]

Giugno 26th, 2021

Memorie di un paese

È stato appena pubblicato il volume di Emilio La Greca Romano: “Paese d’anima e memoria”. Ho realizzato alcune note introduttive […]

Giugno 24th, 2021

Pasolini, Gramsci e la sinistra

L’intellettuale, che ha sempre anticipato i cambiamenti sociali ed osservato con particolare attenzione degrado, povertà e periferie, è stato spesso […]

Giugno 17th, 2021

Letteratura a Salerno

Con la nona edizione, dal titolo: “Le occasioni“, dal 18 al 26 giugno ritorna Salerno Letteratura, il più grande festival letterario del […]

Giugno 11th, 2021

La casa come habitus

Emanuele Coccia ha scritto un interessante volume: “Filosofia della casa. Lo spazio domestico e la felicità” (Einaudi, 2021), in cui […]

Giugno 5th, 2021

Giornata Mondiale dell’Ambiente 2021

L’uomo è parte dell’ambiente, anche se ha scelto di sfruttarlo senza pensare alle conseguenze. È giunto adesso il tempo di […]

Giugno 2nd, 2021

Giochi criminali

https://www.ricocrea.it/wp-content/uploads/2021/06/23-giochi-criminali.pdf
Maggio 27th, 2021

Festa di Santa Maria dei Campi

  La Festa dei Campi è un appuntamento ormai consolidato a Giovi-Salerno, sentito come periodo aggregativo, in cui la collettività […]

Maggio 24th, 2021

La verità di Santoro

“Oggi la mafia ha deposto il sogno di farsi Stato; non mette le bombe, si nasconde tra i pali della […]

Maggio 14th, 2021

Il vero ritratto di Dante

«Pace, concordia, fratellanza: c’è da chiedersi come sia potuto accadere che la Commedia, un poema di ben 100 canti, e […]

Maggio 4th, 2021

La dimensione sociologica delle feste: dai riti consolidati alle forme aggregative.Ricerche nel territorio cilentano

La ritualità è stata sempre la principale caratteristica delle feste che si sono diffuse e consolidate nella tradizione e nella […]

Maggio 2nd, 2021

PROFILO DI “MARIO”, CIOE’ “GIOVANNINO”, DURANTE E A RIDOSSO DELLA GRANDE GUERRA

Il prof. Vincenzo Aversano propone un secondo intervento sul poeta e compositore E.A. MARIO, artista e “genio assoluto”, interprete di […]

Aprile 30th, 2021

IL PATRIOTTISMO UMANO E POETICO DI E.A. MARIO

Il prof. Vincenzo Aversano, già ordinario di Geografia presso l’Università di Salerno, che si è sempre distinto per essere uno […]

Aprile 26th, 2021

La cultura da tutelare

Uno sguardo a Palmira, città da recuperare dopo la furia distruttrice dei fondamentalisti jihadisti che hanno cercato di cancellare la […]

Aprile 9th, 2021

Il concetto di parrēsia in Michel Foucault

Riflessioni e analisi sul concetto di “verità”, di cui si occupò il filosofo francese negli ultimi anni della sua vita. […]

Aprile 1st, 2021

Gli indifferenti e lo spirito del nostro tempo

Nel 2020 è stato realizzato il film: Gli indifferenti, adattamento cinematografico del romanzo di Moravia, dopo il lavoro di Citto Maselli (1964) […]

Marzo 23rd, 2021

La scomparsa di Giuseppe Tarallo

Giuseppe Tarallo, ex sindaco di Montecorice ed ex presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, un […]

Marzo 18th, 2021

Fenomenologia del calcio tra partecipazione e rappresentazione

“Ad attrarre il pubblico più vasto, tra tutti gli eventi della storia dell’umanità non è stato un avvenimento politico particolare […]

Marzo 12th, 2021

Un laboratorio per lo studio del COVID-19

Da poco è stato pubblicato un interessante volume: “L’emergenza Covid-19. Un laboratorio per le scienze sociali”, curato da Massimo Cuono, […]

Marzo 5th, 2021

Il potere dei “ricchini”

Il Cilento è un’area che si è consolidata, attraverso il corso dei secoli, della sua storia e della sua cultura, […]

Febbraio 24th, 2021

Esercizi di filosofia del quotidiano. L’attualità del pensiero di Pier Aldo Rovatti

‹‹Quante volte mi hanno chiesto ai dibattiti: “Ma insomma mi vuoi dire con chiarezza che cos’è il pensiero debole così […]

Febbraio 15th, 2021

I significati delle maschere rituali

Il Carnevale è legato a rituali che si tramandano da tempi remoti e trovano particolare riscontro nella tradizione antica delle […]

Febbraio 9th, 2021

L’identità come cambiamento per “uscire dalla foresta”

“L’identitario «duro», quello che stringe la tenaglia, ascolta solo quelli che parlano come lui, pensano come lui, sta chiuso nella […]

Febbraio 1st, 2021

L’anima di Napoli

Napoli è un miracolo materiale, la faccia tesa di chi spera senza la pretesa di sperare bastano pochi gesti e […]

Gennaio 27th, 2021

Il Covid-19 come creatura mitica

A partire dai 33 frammenti di Alessandro Baricco: “Quel che stavamo cercando”, alcune riflessioni sul senso del mito in una […]

Gennaio 20th, 2021

La scissione di Livorno e la nascita del PCd’I

Il I° Congresso del Partito Comunista d’Italia, quello fondativo, si svolse a Livorno il 21 gennaio 1921, dopo che i delegati della frazione comunista abbandonarono il […]

Gennaio 15th, 2021

Filosofia – Misano Adriatico

Sfide – I filosofi interrogano il nostro tempo Rassegna filosofica ON-LINE Comune di Misano Quali sono le sfide del XXI […]

Gennaio 13th, 2021

I 45 anni de LA REPUBBLICA osservando “anime e stelle danzanti”

Quando il 14 gennaio 1976 fa veniva pubblicato il primo numero del quotidiano: la Repubblica, lo aspettavano in tanti che […]

Gennaio 6th, 2021

Mutamento dei modelli di genere

Negli ultimi anni, la violenza sulle donne è diventato un problema di stringente attualità, da quando è emersa con grande […]

Dicembre 31st, 2020

BUON ANNO 2021 – L’importanza di essere diversi per realizzare la conoscenza

Alcune brevi note su un personaggio genio e sregolatezza. Edmund Kean (Londra, 17 marzo 1787 – Richmond, 15 maggio 1833), […]

Dicembre 27th, 2020

SMART WORKING

Dal taylorismo al telelavoro, dalle società pre-industriali a quelle post-industriali, il sociologo Domenico De Masi, affrontando gli ambiti di questo […]

Dicembre 16th, 2020

Diano e il Castello della Congiura

Teggiano con il suo centro storico medievale è collocata su un’altura a 637 metri s.l.m.; poi inizia la discesa lungo […]

Dicembre 8th, 2020

Un poeta e il suo tempo

Alcune riflessioni sul volume: A. Barbero, “Dante”, Laterza 2020 ……………….. Sabato 11 giugno 1289, il giorno di San Barnaba, Dante […]

Dicembre 2nd, 2020

San Giovanni a Piro: il Cenobio basiliano

San Giovanni a Piro è il paese degli archi, delle stradine strette, delle scale e balaustre, dei comignoli merlati, dei […]

Novembre 29th, 2020

Paese d’anima e memoria

Di seguito pubblico due poesie dense d’amore e ricordi del paese natio di Emilio La Greca Romano —————————————————————– “A tessitura […]

Novembre 24th, 2020

L’attualità di Spinoza

Baruch Spinozaè tra le figure più affascinanti e fraintese della storia della filosofia, come è accaduto a tanti pensatori vittime […]

Novembre 22nd, 2020

Terremoto dell’Irpinia … quarant’anni fa

Scene di pianto, volti atterriti, momenti di lutto, disagi esistenziali tornano oggi alla memoria: sono passati ben quarant’anni dal terremoto, […]

Novembre 14th, 2020

Il dominio dei Social Media

Lo sviluppo del web ha radicalmente trasformato la società con l’introduzione di tecnologie user-driven, come blogs, social networks e piattaforme […]

Novembre 8th, 2020

Ricordi e memoria / Torna com’eri quando …

Emilio La Greca Romano è tante cose: poeta e scrittore, docente e giornalista pubblicista (ha collaborato e collabora con diverse testate […]

Novembre 4th, 2020

C’era Molpa oltre Palinuro

Dal mare di Palinuro si possono osservare alcune grotte impareggiabili, rocce ed una spiaggia di sabbia che brilla. La leggenda […]

Ottobre 24th, 2020

Alla ricerca delle radici – Velia

La potenza di Elea di Pasquale Martucci   Nel territorio cilentano, una città molto importante fu certamente la romana Velia, […]

Settembre 8th, 2020

Dibattito / Marx, operaismo e teoria

Ho ricevuto da Antonio Peduzzi uno scritto di Mario Tronti, a proposito ed intorno alla sua ultima pubblicazione: “La teoria […]

Agosto 30th, 2020

“Aspromonte, la terra degli ultimi”

Note a margine del film di Mimmo Calopresti: “Aspromonte, la terra degli ultimi”. Comunità e destino di Pasquale Martucci   […]

Agosto 25th, 2020

Il pensiero / Hegel

Lo Spirito Assoluto nella dialettica hegeliana di Pasquale Martucci   Il 27 agosto di 250 anni fa nasceva Georg Wilhelm […]

Agosto 15th, 2020

Storia e radici – Il Cilento

Cilento: alla ricerca delle origini di Pasquale Martucci   Il Cilento è oggi una zona molto ampia, che parte dal […]

Luglio 24th, 2020

Idee e società – Ferdinand Tönnies

Il concetto di comunità in Tönnies di Pasquale Martucci   «La teoria della società riguarda una costruzione artificiale, un aggregato […]

Luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

Luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

Luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

Giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

Giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

Giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

Maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

Maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

Maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

Aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

Aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

Aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

Aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

Aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

Marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

Marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

Marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

Marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

Marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

Febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

Febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

Febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

Febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

Gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

Gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

Gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

Gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

Dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

http://www.ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

Dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

Dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

Dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

Dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

Dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

Novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

Novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

Novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

Novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

Novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

Ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

Ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

Ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

Ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

Ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

Settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

Settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

Settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

Agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

Agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

Agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

Agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

Luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

Luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

Luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

Giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

Giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

Maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

Maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

Maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

Maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

Maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

Aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

Marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

Febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

Febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

Febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

Febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

Dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

Settembre 28th, 2022

Dispute culturali

“Chi seleziona i libri?”, è la domanda che alcuni studiosi hanno posto in occasione della presentazione della Rassegna: “Volumi- Spazio […]

Settembre 28th, 2022

Agropoli – Iniziative al Castello

Dopo la consueta Kermesse: “Settembre Culturale”, Agropoli presso il suo Castello Angioino-Aragonese presenta iniziative il 1 e 2 ottobre 2022, […]

Settembre 27th, 2022

MALTHUSIANESIMO E TASSI DI NATALITÀ

Ricevo e pubblico un articolo di Bianca Fasano É da un po’ che si ricomincia a parlare del “malthusianesimo”, ossia […]

Settembre 27th, 2022

FIERA DEL LIBRO a Vallo della Lucania

VOLUMI Prima edizione Spazio ai Libri 29 e 30 settembre – 1 ottobre 2022 Orario: 10:00 – 13:00 / 16:00 […]

Settembre 23rd, 2022

La complessità del metodo … a proposito del VII volume di Edgar Morin

“Il mondo è rumore, la nebbia che regna fuori dalle frontiere delle discipline, fuori dai contorni dell’oggetto e che si […]

Settembre 18th, 2022

Fenomenologia di Gomorra

Per parlare del libro di Alberto Castellano: Gomorra. Fenomenologia di un successo seriale (Colonnese, 2022), inizio dall’ultima pagina, quella contenuta […]

Settembre 16th, 2022

In Memoria di un intellettuale cilentano

Il ricordo di Amedeo La Greca, studioso di storia cilentana, scrittore e saggista, intellettuale di ampia formazione, editore, sarà affidato […]

Settembre 15th, 2022

In ricordo di Amato Grisi

Il 16 settembre 2022, alle ore 18:00, a Colliano (SA), si terrà la cerimonia di intitotazione della Biblioteca Comunale al […]

Settembre 7th, 2022

Campora / percorsi culturali

CAMPORA – PERCORSO NATURALISTICO AUTOGESTITO ‐——– Riporto il testo in inglese WEEKEND AT CAMPORA (SA) ITALY3  

Settembre 5th, 2022

Iniziative / Weekend a Campora

  CAMPORA – PERCORSO NATURALISTICO AUTOGESTITO ‐——– Riporto il testo ufficiale di un percorso naturalistico culturale realizzato in regime non […]