List

Cilento: alla ricerca delle origini

di Pasquale Martucci

 

Il Cilento è oggi una zona molto ampia, che parte dal fiume Sele e giunge all’estremo lembo del Golfo di Policastro, tra il mare Tirreno e i confini ad est della Campania. Quest’area è il Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, istituito con L. 394 del 6.12.1991, mentre l’Ente Parco, l’autorità di gestione, è stato costituito con DPR del 5.6.1995. Ha una superficie di 181.048 ettari, con un’altitudine che varia tra 0 e 1.899 m. s.l.m. Il simbolo distintivo è la Primula Palinuri, che si trova su rupi calcaree fino ai quattrocento metri di altezza, tra Palinuro a Marina di Camerota. Sono 76 i comuni che fanno parte del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

Tutto il territorio è caratterizzato da rilievi montuosi che discendono verso il mare: quest’ultimo si infrange una costa formata da spiagge, insenature e promontori, interessati da fenomeni carsici e ricchi di grotte marine e sorgenti d’acqua dolce. Nella parte orientale i rilievi più importanti sono gli Alburni e il Cervati; in quella occidentale il monte Gelbison e il monte Stella; a sud il monte Bulgheria. Dalle terre costiere a quelle interne, l’andamento segue la conformazione dei corsi d’acqua e si incunea tra le sommità e i pendii, le rocche e i monasteri del potere feudale ed ecclesiastico del passato. (1)

Il territorio originario del Cilento è considerato il Cilento antico o occidentale, quello dell’attuale monte della Stella, dove sono state ritrovate antiche mura. (2)

Sull’origine del toponimo, c’è stata una aspra polemica tra il barone Giuseppe Antonini e Pasquale Magnoni di Rutino, intorno alla metà del settecento, e che si trascinò nei secoli successivi. Il primo scrisse dell’antica Lucania e di una città sul monte della Stella, chiamata Petilia, fondata dai Lucani; il secondo criticò la presunta città. Riferisce Francesco Volpe che Francesco Antonio Ventimiglia attribuisce i ruderi del monte Stella alla “città denominata Lucania”; Fabio Donnabella sostiene che Antonini ha opinioni “poco sicure”; Vincenzo Gatti non ritiene che possa esserci stata una città chiamata Petilia; Giuseppe Volpe afferma che l’Antonini ha interpretato male Strabone; Matteo Mazziotti sostiene che le dimostrazioni del barone siano prive di fondamento. (3)

Ci furono anche gli oppositori del Magnoni, come Domenico Romanelli e Francesco Mazzarella Farao; Lorenzo Giustiniani fu equidistante; Pietro Napoli Signorelli ebbe un giudizio favorevole all’Antonini. Pietro Ebner, dopo aver analizzato le opinioni dei vari studiosi, che si sono disposti a favore o contro le tesi dell’Antonini, affermò che è fuorviante ritenere che possa esserci stato “un insediamento permanente” su quella vetta. (4)

Un’altra questione riguarda il lavoro del Galanti a proposito della suddivisione del Cilento: quella zona abitata dai Lucani “che va dal Sele all’Obertino, cioè al confine con la Basilicata, escludendo ovviamente il Vallo di Diano”. Per Volpe, Galanti è andato oltre quelle che dovevano essere le conoscenze dell’epoca, dal momento che ha inteso proprio la regione attuale del Cilento, che è stata prima considerata un luogo abitato, in seguito la cerchia dei paesi intorno al monte Stella, poi ancora il distretto di Vallo ed infine l’attuale territorio tra il Sele e Sapri. Però alla fine del settecento, non poteva non essere cis-Alentum, al di qua dell’Alento, e comprendeva quei paesi ubicati alla destra di tale fiume. (5)

Dunque la tesi più ricorrente è stata: cis-Alentum, al di qua dell’Alento, rispetto a quello che era il principato longobardo di Salerno. Lo storico Nicola Acocella scrisse: “Si vedrà presto che il toponimo Cilento, prima che a una regione, fu assegnato originariamente a un centro fortificato e abitato sulla sommità dell’odierno monte Stella (…); ma il nome, ben presto, per un naturale fenomeno di espansione, umana e glottologica insieme, fu riferito a tutto il complesso delle falde e dei contrafforti della montagna, che solo molto più tardi sarà detta della Stella”. Tutto quel territorio, o contado fu chiamato cilium (della Stella), cioè Cilento, un immenso giardino con tante abitazioni e un centro comune dove era posto un anfiteatro, come sostenne Mazziotti. Cilento significava anche il luogo dove stava il Signore, un luogo sacro e posto in alto, appunto su quella montagna. (6)

Vincenzo Aversano ha ricostruito i termini cronologici e geografici che, nel medioevo, sostituiscono l’antico toponimo di Lucania (minor) con quello di Cilento. Per lui, l’etimologia cis-Alentum, non spiega cosa significhi “al di qua”, ovvero “il limite settentrionale della regione cilentana”. Il Cilento originario è tra il fiume Solofrone (Agropoli) fino all’Alento, compreso il Vallo di Novi. Osservando le derivazioni preromane, il riferimento è al monte della Stella e in genere a tutto ciò che è intorno a quel monte. Aversano parla di questa zona come Cilento occidentale, mentre il basso Cilento è il territorio a sud di Elea fino al golfo di Policastro ed ha caratteristiche collinari, fatta eccezione per il monte Bulgheria, gli Alburni e il Cervati. (7)

Per Cantalupo e La Greca, il Cilento, che derivava da monte (della Stella), diventa coronimo in sostituzione del centro fortificato di Lucania. Cilento è il nome della fortezza antica o cenobio kaston (altomedievale), castrum, centro abitato fortificato. E’ l’unità amministrativa longobarda, Actus Cilenti (distretto amministrativo), Gastaldato, sottoposto al controllo di un gastaldo, un funzionario della curia. Era la ripartizione politica, amministrativa e religiosa in cui erano divise le tribù romane fino alla repubblica. Nel medioevo divenne l’ufficio amministrativo di un ente religioso: il Gastaldato Cilenti era quello dei duchi e principi longobardi dell’area del monte della Stella. Nella prima metà dell’XI secolo è dunque la zona di Actus Cilenti, l’area che alla fine della dominazione longobarda si identifica con Lucania, tra Punta Tresino (promontorio tra Agropoli e Santa Maria di Castellabate) e l’Alento. Sul monte Cilento i coronimi Cilento e Lucania si sovrappongono. In effetti la scomparsa di Lucania fu determinata dall’espansione benedettina, che aggregava i beni fondiari ottenuti nel territorio della Lucania ai possedimenti di San Magno (San Mango) e Sant’Arcangelo (oggi scomparso, nei pressi di Perdifumo) e che erano nell’Actus Cilenti. Cercando l’unificazione economica e amministrativa, i benedettini diffusero il nome Cilento alle terre tra il feudo di Agropoli e l’Alento. Dopo diciassette secoli tramonta la presenza geografica del nome Lucania. Il Cilento si amplierà nei secoli successivi. Nel 1083, la circoscrizione Actus Cilenti si era estesa a nord ovest fino a Tresino, a ovest fino a Castellabate, a sud est fino a Casalicchio (Casalvelino) e Duoflumina (territorio alla destra del fiume Alento, tra Pioppi e Omignano). Nella prima età normanna le terre comprendevano anche la vecchia circoscrizione di Lucania, limitate alle aree alla destra del corso dell’alto e medio Alento. (8)

Un’altra versione sarebbe legata alla terra di monte, ovvero un territorio montuoso. Il toponimo avrebbe origine pre-indoeuropea (Ebner). Dal monte Stella si sarebbe poi con il tempo designato un territorio via via più vasto. Una interpretazione più estesa è riconducibile al territorio compreso tra le gloriose città di Pesto, sulle sponde del Sele, e di Velia, su quelle dell’Alento. Mazziotti dunque crede che il territorio tra le due città sia quello proprio del Cilento. In epoca posteriore (Longobardi), lo stesso toponimo identificherebbe il territorio che congiunge i due fiumi: Silento (Sele e Alento). (9)

Dunque, tutto ciò che gravita intorno al nome Cilento avrebbe origini intorno all’anno mille, e sarebbero escluse le vicende più antiche, quelle che riguardano Greci, Lucani, italici in genere e Romani. Fabio Astone recentemente ha sostenuto la tesi dell’origine etrusca del nome Cilento. Il toponimo Cilento non fu mai utilizzato da Greci, Romani o Italici e comparve nel 1134 come Actus Cilenti. Al contrario, gli Etruschi si sarebbero spinti a sud del fiume Sele e forse fino a Paestum e Velia. Lo studioso evidenzia l’analogia tra il nome della divinità etrusca Cilens ed il toponimo Cilento. La geografia degli Etruschi ha condizionato gran parte dell’Italia antica, ed ancora oggi se ne serba il ricordo: il mare Adriatico prende il nome dalla città etrusca di Adria, ed il mare Tirreno è così detto perché Tirreni erano chiamati gli Etruschi dai Greci. (10)

Qui mi fermo. La storia di questa terra verrà successivamente integrata con il susseguirsi di vicende e dominazioni.

 

Note

  1. Cfr.: “Cilento”, in Enciclopedia Italiana Treccani, 1931 A.T., 27-28-29. I dati sulle caratteristiche del territorio sono stati reperiti nel sito ufficiale del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano:www.cilentoediano.it.
  2. Di questo parere sono Pietro Ebner: 1973, “Storia di un feudo del Mezzogiorno: la baronia di Novi”, Roma, Ed. di Storia e Letteratura; 1979, “Economia e società nel Cilento Medievale” voll.2, Roma, Ed. di Storia e Letteratura; 1982, “Chiesa Baroni e popolo nel Cilento” voll.2, Roma, Ed. di Storia e Letteratura, e Matteo Mazziotti, 1904, “La baronia del Cilento”, Ripamonti&Colombo, Roma, Libreria Antiquaria Editrice, Salerno 1972. Cfr.: P. Cantalupo, A. La Greca, 1989, “Storia delle terre del Cilento Antico”, Ed. CPC Centro di Promozione Culturale per il Cilento.
  3. F. Volpe, 2014, “Lineamenti di storia della storiografia cilentana”, Ed. Scientifiche Italiane – Quaderni del Mezzogiorno, 19-25. Cfr.: G. Antonini, 1745, “La Lucania. Discorsi”, I Ed. Gessari B., Napoli; P. Magnoni, 1763, “Lettera di Pasquale Magnoni al barone Giuseppe Antonini contenente alcune osservazioni critiche sui di lui Discorsi della Lucania”, Napoli.
  4. F. Volpe, cit., 28.
  5. Ivi, 37.
  6. La posizione di Acocella è riportata nel saggio: “Il Cilento dai Longobardi ai Normanni (sec. X e XI). Struttura amministrativa e agricola”, in “Rassegna Storia Salernitana”, XXII (1961) – XXIII (1962), ora in Sparano A. (a cura di), 1971, “Salerno medievale ed altri saggi”, Università degli Studi di Salerno – Collana di Storia e Testi I, Ed. L.S.I., Napoli. Su M. Mazziotti, “La baronia del Cilento”, cit.
  7. V. Aversano, 1982, “Il toponimo Cilento e il centro fortificato sul monte della Stella”, Istituto Grafico Italiano – Studi e Ricerche di Geografia, A.Vf.I. Cfr. anche: V. Aversano, 1983, “Il coronimo Cilento e il suo territorio (1034-1552)”, Istituto Geografico Italiano – Studi e Ricerche di Geografia, A.VI f.1.
  8. P. Cantalupo, A. La Greca, 1989, “Storia delle terre del Cilento Antico”, cit., 27-28. Cfr.: P. Cantalupo, “Dalle invasioni barbariche alla guerra del vespro”, in “Storia delle terre del Cilento Antico”, cit., 176-178.
  9. Cfr.: i lavori di P. Ebner e M. Mazziotti.
  10. F. Astone, “Alle origini del toponimo Cilento: la fondazione di Poseidonia ed i Tirreni-Etruschi del Golfo di Salerno. Riflessioni ed ipotesi”, in “Annali storici di Principato di Citra”, anno X n.1 Tomo 1 2012, 5-44.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 10
Novembre 29th, 2020

Paese d’anima e memoria

Di seguito pubblico due poesie dense d’amore e ricordi del paese natio di Emilio La Greca Romano —————————————————————– “A tessitura […]

Novembre 24th, 2020

L’attualità di Spinoza

Baruch Spinozaè tra le figure più affascinanti e fraintese della storia della filosofia, come è accaduto a tanti pensatori vittime […]

Novembre 22nd, 2020

Terremoto dell’Irpinia … quarant’anni fa

Scene di pianto, volti atterriti, momenti di lutto, disagi esistenziali tornano oggi alla memoria: sono passati ben quarant’anni dal terremoto, […]

Novembre 14th, 2020

Il dominio dei Social Media

Lo sviluppo del web ha radicalmente trasformato la società con l’introduzione di tecnologie user-driven, come blogs, social networks e piattaforme […]

Novembre 8th, 2020

Ricordi e memoria / Torna com’eri quando …

Emilio La Greca Romano è tante cose: poeta e scrittore, docente e giornalista pubblicista (ha collaborato e collabora con diverse testate […]

Novembre 4th, 2020

C’era Molpa oltre Palinuro

Dal mare di Palinuro si possono osservare alcune grotte impareggiabili, rocce ed una spiaggia di sabbia che brilla. La leggenda […]

Settembre 8th, 2020

Dibattito / Marx, operaismo e teoria

Ho ricevuto da Antonio Peduzzi uno scritto di Mario Tronti, a proposito ed intorno alla sua ultima pubblicazione: “La teoria […]

Agosto 30th, 2020

“Aspromonte, la terra degli ultimi”

Note a margine del film di Mimmo Calopresti: “Aspromonte, la terra degli ultimi”. Comunità e destino di Pasquale Martucci   […]

Agosto 25th, 2020

Il pensiero / Hegel

Lo Spirito Assoluto nella dialettica hegeliana di Pasquale Martucci   Il 27 agosto di 250 anni fa nasceva Georg Wilhelm […]

Agosto 15th, 2020

Storia e radici – Il Cilento

Cilento: alla ricerca delle origini di Pasquale Martucci   Il Cilento è oggi una zona molto ampia, che parte dal […]

Luglio 24th, 2020

Idee e società – Ferdinand Tönnies

Il concetto di comunità in Tönnies di Pasquale Martucci   «La teoria della società riguarda una costruzione artificiale, un aggregato […]

Luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

Luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

Luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

Giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

Giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

Giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

Maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

Maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

Maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

Aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

Aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

Aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

Aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

Aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

Marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

Marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

Marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

Marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

Marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

Febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

Febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

Febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

Febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

Gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

Gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

Gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

Gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

Dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

https://www.ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

Dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

Dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

Dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

Dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

Dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

Novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

Novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

Novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

Novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

Novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

Ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

Ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

Ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

Ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

Ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

Settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

Settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

Settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

Agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

Agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

Agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

Agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

Luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

Luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

Luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

Giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

Giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

Maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

Maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

Maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

Maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

Maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

Aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

Marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

Febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

Febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

Febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

Febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

Dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

Ottobre 26th, 2020

Concorso di poesia “La perla del Lazio”

II Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Gaeta Perla del Lazio” organizzato da “Il Saggio Editore” in collaborazione con “Fondazione Caboto”, […]

Ottobre 24th, 2020

Alla ricerca delle radici – Velia

La potenza di Elea di Pasquale Martucci   Nel territorio cilentano, una città molto importante fu certamente la romana Velia, […]

Ottobre 17th, 2020

Pensieri ed idee / Michelstaedter

La via della persuasione in Carlo Michelstaedter di Pasquale Martucci   «Cosa che mi possa fare diverso da quel che […]

Ottobre 10th, 2020

“FRATELLI TUTTI” – Sull’enciclica di papa Francesco

“FRATELLI TUTTI” Note sull’ultima enciclica di papa Francesco tra questioni politiche e sociali di Pasquale Martucci   Al centro dell’ultima […]