List

Alcune riflessioni sul volume: A. Barbero, “Dante”, Laterza 2020

………………..

Sabato 11 giugno 1289, il giorno di San Barnaba, Dante (Durante) Alighieri è nell’esercito fiorentino e partecipa alla battaglia di Campaldino contro gli aretini. Con questo episodio inizia il libro dello storico Alessandro Barbero, descrivendo un evento che proietta il giovane futuro poeta nella vita dell’epoca.

La sua esistenza è legata agli avvenimenti che accadono a Firenze a partire dalla metà del duecento: qualche anno dopo vengono coniati i primi fiorini d’oro che hanno un importante rilievo nella politica mercantile europea. È il conflitto tra guelfi, fedeli all’autorità temporale dei papi, e ghibellini, difensori del primato politico degli imperatori, che diviene sempre più una guerra tra nobili e borghesi, simile alle guerre di supremazia tra città vicine o rivali. Se prima della nascita di Dante la città è nelle mani dei ghibellini, nel 1266 Firenze ritorna in quelle dei guelfi ed i primi sono espulsi. A questo punto, il partito si divide in due fazioni: guelfi bianchi e guelfi neri, caratterizzati dalle famiglie che detengono il potere e dai loro seguaci. I primi sono rappresentati dai Cerchi, ricca famiglia mercantile che appoggia il governo del popolo; gli altri sono capitanati da Corso Donati, capo di un antico e consolidato clan della nobiltà fiorentina.

Dante nasce nel maggio 1265 da una famiglia che potrebbe essere definita nobile solo per l’antichità e il rispetto che suscita in città, non perché detiene un qualche titolo, né in quanto appartiene alla più ristretta cerchia dell’aristocrazia cittadina.

È un discendente di Messer Cacciaguida (probabilmente cavaliere), il trisnonno, il cui figlio si chiama Alaghieri, mentre il nonno è un certo Bellincione (Alachieri, Allagherii), attivo nella vita politica del comune. Di questo si è certi per una serie di documenti sottoscritti per definire affari e transazioni economiche; come pure si sa che Bellincione ha sei figli maschi tra cui Alighiero, il padre di Dante, che si occupa di affari e forse di prestiti, dunque un uomo che “maneggia soldi”. Del poeta si conosce: del suo innamoramento per Beatrice (Bice di Folco Portinari), di cui si trova riscontro soprattutto nella Vita nuova; della sua passione politica; della sua mirabile arte, quella poetica, che gli permetteva di entrare in tenzone con altri valenti uomini dell’epoca, come ad esempio Forese Donati. I due si sfidano con sei sonetti, tre per ciascuno, per rinfacciarsi colpe e malefatte con lo scopo non solo di un’esercitazione letteraria. Dante segue amici raffinati per costumi ed ideali, giovani poeti che si ispirano a Guido Guinizzelli e introducono un nuovo modo di fare poesia: il dolce stil novo. Poi si sa soprattutto della grande opera conosciuta in tutto il mondo: “La Divina Commedia”, oltre che dei numerosi lavori poetici, politici e filosofici.

Ci sono tuttavia molti periodi della sua vita oscuri. E qui entra in gioco lo storico Alessandro Barbero che indaga quei lati poco conosciuti, volgendo lo sguardo a comporre e scomporre ipotesi, per avere una visione più completa di Dante. Il confronto dei documenti e l’attendibile ricostruzione dei fatti sono realizzati attraverso un linguaggio chiaro, discorsivo, che immerge il lettore in un’atmosfera medievale in cui ci sono le strade di Firenze, i personaggi che confliggono, le disposizioni di governo molto faziose, ovvero un contesto non comune che in genere solo le immagini riescono a cogliere. Ed invece quelle pagine conducono il lettore, dotato di fantasia e sensibilità, ad immergersi nel clima politico e sociale dell’Italia della seconda metà del duecento e dei primi decenni del trecento.

Eppure questo volume non è un romanzo storico, ma una puntigliosa ricostruzione molto fluida di una storia che quando diventa carente è colmata dalle riflessioni dell’autore, attraverso ben ottanta pagine tra note e riferimenti bibliografici che danno il senso di un lavoro realizzato con grande acume. Il suo metodo è il confronto continuo con le fonti storiche, le uniche che vanno ben interpretate per riuscire ad offrire un grande affresco di vita e una sistematizzazione attenta e precisa della storia del grande poeta.

È proprio la vita di un uomo che ha debolezze, ma anche un senso di giustizia al di là delle fazioni: basti pensare che nell’esercizio dei suoi uffici pubblici è contro l’imperatore ed al contempo avverso al papa. Interessante è la ricostruzione dell’infanzia di Dante, dell’amore, degli amici, degli studi (grammatica, retorica, ma poi latino, poesia e filosofia), prima di inserirsi a pieno titolo nella vita politica. Un capitolo importante è sulla moglie Gemma di cui si sa poco, l’essenziale, ovvero di essere imparentata con i Donati, figlia di Manetto Donati, cugina di Corso e di Forese, ma appartenente ad un ramo meno potente della famiglia dei guelfi neri. Il matrimonio avviene forse con un atto preliminare nel 1277, oppure nel 1285 o ancora nel 1293, epoca in cui il poeta ha un’età più consona ad un matrimonio: nascono da quell’unione Iacopo, Pietro, Antonia (probabile monaca a Ravenna col nome di suor Beatrice), e verosimilmente Giovanni. Gli affari di Dante sono ancora più intricati: possesso di proprietà terriere nel contado; affari in danaro preso in prestito, ma anche transazioni creditizie non sempre nel ruolo di debitori. Insieme al fratello Francesco, afferma Barbero, vivono comodamente di rendita come “cittadini rispettabili e onorati della loro città”.

A Firenze il governo è detenuto da sei Priori delle Arti, espressione del mondo artigianale ed imprenditoriale; dal Gonfalone di giustizia; dai Signori, che tuttavia si alternano per non avere eccessive concentrazioni di potere. Poi ci sono cinque Consigli, che coinvolgono centinaia di cittadini e si rinnovano ogni sei mesi. Fanno politica le Capitudini delle Arti; infine il Podestà, che esercita il potere esecutivo ed è sottoposto a verifiche annuali, pur essendo un professionista fatto venire da un’altra città.

Dante partecipa alla vita politica tra il 1295 e il 1301: si iscrive, come deve essere allora, ad una corporazione, all’Arte dei “Medici e Speziali”, che raccoglie alcune delle menti più all’avanguardia della cultura dell’epoca; appartiene ai guelfi bianchi, contro la famiglia di sua moglie (Donati). Quando la lotta tra le due fazioni si fa più aspra, Dante cerca di difendere l’indipendenza della città opponendosi alle tendenze egemoniche papali. È tra coloro che si oppongono alle intromissioni nella vita pubblica di Firenze di papa Bonifacio VIII che, col pretesto dell’assenza dell’Impero e contando sulle discordie cittadine, mira al dominio sulla Toscana. Nel 1300, Dante è eletto tra i sei Priori, i più alti magistrati del governo che compone la Signoria. Nel 1301, a Firenze il partito dei neri prende il sopravvento, sostenuto dal papato. In quando personaggio scomodo e forse poco tutelato da amici ed alleati, è condannato all’esilio per una vita sempre in bilico tra onori e cadute, che segnano la sua esistenza. È accusato di corruzione, sospeso dai pubblici uffici e condannato al pagamento di una pesante ammenda. La sua famiglia è individuata tra i prestatori, e partendo da lì si trova il pretesto per esiliarlo. Una prima sentenza del 17 gennaio 1302 lo condanna, con l’accusa di baratteria, allora comunemente usata contro gli avversari politici, a una multa, al confino e all’esclusione dagli uffici; non essendosi presentato in città, una successiva sentenza del 10 marzo dello stesso anno lo esilia in modo perpetuo, con minaccia di morte se trovato entro i confini del comune.

Il libro di Barbero però non si limita a ciò. È importante verificare chi è il poeta e tutte le caratteristiche che delineano la figura di quel personaggio, illustrandone le inquietudini e le scelte che lo portano a non essere funzionale alla vita di Firenze. Ed allora vive altri luoghi ed altre esistenze. I vent’anni d’esilio, fino alla morte, lo privano della sua città e ne segnano il pensiero e la poesia. Dapprima Dante lotta insieme ai bianchi e con loro spera di poter rientrare; ma già prima del luglio 1304 se ne allontana. Intorno al 1306, implora il perdono alla Firenze nera, perché “exul immeritus”, che ha subito ingiustizia.

Tuttavia, contrariamente a ciò che si crede, quegli anni non sono del tutto vani. Oltre a realizzare le sue opere, il fatto che sia “un politico di una qualche notorietà, e soprattutto un poeta e un dictator di chiara fama” gli permette di trovare ospitalità presso le cancellerie di alcuni signori tra Lombardia, Romagna, varie zone dell’Italia centrale. Per cercare di individuare i luoghi dell’esilio, Barbero, consultando un’infinità di fonti, riporta: Verona; Urbino, presso diversi nobili tra cui Uguccione della Fagiola, come sostiene Boccaccio. Frequenta l’Appennino centrale e l’aristocrazia della montagna; Bologna; Padova; Sarzana, presso i marchesi Malaspina; Parigi. Dante dimora tra le grandi famiglie nobili che dominano le aree montuose d’Italia centrale, a suo dire le uniche in grado di risollevare le sorti dell’Italia da coloro che si occupano solo di affari.

Lo storico fa immergere il lettore in queste città, nelle ferventi attività, che permettono ad alcune di primeggiare sulle altre; riprende le condizioni sociali, economiche, politiche, gli affari, le beghe e i tradimenti che si svolgono lungo lo stivale. Sul soggiorno bolognese, molti documenti accreditano la tesi che Dante abbia scritto il Convivio e il De Vulgari Eloquentia, con intenzione politica e pedagogica, anche perché la città è retta proprio da un comune popolare e guelfo. Ma per il poeta l’intenzione è di diventare politico e filosofo laico, e dunque quella città può essere per lui molto importante.

Se Barbero riporta nei primi capitoli un Dante esponente del popolo, in seguito rileva il suo rivolgersi, quando è in esilio, ai signori che sono generosi per i suoi servigi. Il suo pensiero politico prende la sua forma definitiva. Per parlare dei malanni d’Italia, individua le discordie dei vari comuni e crede che la ragione sia da individuare nella carenza di un potere civile unico, cioè dell’Impero. Qualcuno crede che da guelfo moderato il poeta sia divenuto quasi un ghibellino.

Intorno al 1310 Dante è molto speranzoso sulla sua sorte: c’è la discesa di Enrico VII in Italia per farsi incoronare re d’Italia a Milano e imperatore a Roma. I guelfi di Firenze fanno credere al popolo il ritorno dei ghibellini in città, mentre Dante esorta i neri ad arrendersi all’imperatore. Non è più il poeta implorante perdono. La morte di Enrico VII (1313) frena però ogni speranza: Dante torna a Verona, ospite questa volta di Cangrande. Forse a questo periodo risale l’opera: la Monarchia, in cui espone il sogno di una monarchia universale.

Un altro elemento di rilievo accade dopo la disfatta dei fiorentini contro Uguccione della Fagiola, che governa Pisa e Lucca, a Montecatini. Dante e la sua famiglia sono banditi come “ghibellinos et ribelles”.

La Commedia trova origine plausibile tra il 1306-07; prima della morte di Enrico VII è completato certamente l’Inferno. Si crede invece che il Purgatorio solo verso la fine del 1315 sia stato concluso. Per Barbero ancora un evento non del tutto chiaro è la dedica del Paradiso a Cangrande della Scala da Verona, quando al contrario ci sono riscontri che l’ultima Cantica sia stata completata a Ravenna, la città che lo accoglie fino alla morte.

Come tutto ciò che concerne la vita di Dante Alighieri, anche la data della sua morte appare piena di contraddizioni: parrebbe essere avvenuta tra il 13 e il 14 settembre 1321. In quella notte “il profeta andò a scoprire se quando aveva immaginato in tutti quegli anni era vero”, come è riportato nelle righe conclusive del volume.

Questo libro è uno dei documenti più riusciti sulla vita di Dante. Pur non analizzando la sua poetica e i suoi scritti, Barbero offre la possibilità di chiarire alcune vicende del poeta, riportando le tante questioni che da un lato hanno condizionato la sua esistenza e dall’altro, nonostante i disagi dell’esilio e le alterne fortune della sua vita, gli hanno comunque permesso di scrivere opere che hanno parlato non solo alla sua generazione ma all’intera umanità. Ed infatti, il suo capolavoro: la Divina Commedia, uno dei testi poetico-letterari più letti e studiati al mondo, lo colloca tra i più grandi poeti della storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 11
Gennaio 15th, 2021

Filosofia – Misano Adriatico

Sfide – I filosofi interrogano il nostro tempo Rassegna filosofica ON-LINE Comune di Misano Quali sono le sfide del XXI […]

Gennaio 13th, 2021

I 45 anni de LA REPUBBLICA osservando “anime e stelle danzanti”

Quando il 14 gennaio 1976 fa veniva pubblicato il primo numero del quotidiano: la Repubblica, lo aspettavano in tanti che […]

Gennaio 6th, 2021

Mutamento dei modelli di genere

Negli ultimi anni, la violenza sulle donne è diventato un problema di stringente attualità, da quando è emersa con grande […]

Dicembre 31st, 2020

BUON ANNO 2021 – L’importanza di essere diversi per realizzare la conoscenza

Alcune brevi note su un personaggio genio e sregolatezza. Edmund Kean (Londra, 17 marzo 1787 – Richmond, 15 maggio 1833), […]

Dicembre 27th, 2020

SMART WORKING

Dal taylorismo al telelavoro, dalle società pre-industriali a quelle post-industriali, il sociologo Domenico De Masi, affrontando gli ambiti di questo […]

Dicembre 16th, 2020

Diano e il Castello della Congiura

Teggiano con il suo centro storico medievale è collocata su un’altura a 637 metri s.l.m.; poi inizia la discesa lungo […]

Dicembre 8th, 2020

Un poeta e il suo tempo

Alcune riflessioni sul volume: A. Barbero, “Dante”, Laterza 2020 ……………….. Sabato 11 giugno 1289, il giorno di San Barnaba, Dante […]

Dicembre 2nd, 2020

San Giovanni a Piro: il Cenobio basiliano

San Giovanni a Piro è il paese degli archi, delle stradine strette, delle scale e balaustre, dei comignoli merlati, dei […]

Novembre 29th, 2020

Paese d’anima e memoria

Di seguito pubblico due poesie dense d’amore e ricordi del paese natio di Emilio La Greca Romano —————————————————————– “A tessitura […]

Novembre 24th, 2020

L’attualità di Spinoza

Baruch Spinozaè tra le figure più affascinanti e fraintese della storia della filosofia, come è accaduto a tanti pensatori vittime […]

Novembre 22nd, 2020

Terremoto dell’Irpinia … quarant’anni fa

Scene di pianto, volti atterriti, momenti di lutto, disagi esistenziali tornano oggi alla memoria: sono passati ben quarant’anni dal terremoto, […]

Novembre 14th, 2020

Il dominio dei Social Media

Lo sviluppo del web ha radicalmente trasformato la società con l’introduzione di tecnologie user-driven, come blogs, social networks e piattaforme […]

Novembre 8th, 2020

Ricordi e memoria / Torna com’eri quando …

Emilio La Greca Romano è tante cose: poeta e scrittore, docente e giornalista pubblicista (ha collaborato e collabora con diverse testate […]

Novembre 4th, 2020

C’era Molpa oltre Palinuro

Dal mare di Palinuro si possono osservare alcune grotte impareggiabili, rocce ed una spiaggia di sabbia che brilla. La leggenda […]

Ottobre 24th, 2020

Alla ricerca delle radici – Velia

La potenza di Elea di Pasquale Martucci   Nel territorio cilentano, una città molto importante fu certamente la romana Velia, […]

Settembre 8th, 2020

Dibattito / Marx, operaismo e teoria

Ho ricevuto da Antonio Peduzzi uno scritto di Mario Tronti, a proposito ed intorno alla sua ultima pubblicazione: “La teoria […]

Agosto 30th, 2020

“Aspromonte, la terra degli ultimi”

Note a margine del film di Mimmo Calopresti: “Aspromonte, la terra degli ultimi”. Comunità e destino di Pasquale Martucci   […]

Agosto 25th, 2020

Il pensiero / Hegel

Lo Spirito Assoluto nella dialettica hegeliana di Pasquale Martucci   Il 27 agosto di 250 anni fa nasceva Georg Wilhelm […]

Agosto 15th, 2020

Storia e radici – Il Cilento

Cilento: alla ricerca delle origini di Pasquale Martucci   Il Cilento è oggi una zona molto ampia, che parte dal […]

Luglio 24th, 2020

Idee e società – Ferdinand Tönnies

Il concetto di comunità in Tönnies di Pasquale Martucci   «La teoria della società riguarda una costruzione artificiale, un aggregato […]

Luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

Luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

Luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

Giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

Giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

Giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

Maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

Maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

Maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

Aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

Aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

Aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

Aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

Aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

Marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

Marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

Marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

Marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

Marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

Febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

Febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

Febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

Febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

Gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

Gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

Gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

Gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

Dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

https://www.ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

Dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

Dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

Dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

Dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

Dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

Novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

Novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

Novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

Novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

Novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

Ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

Ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

Ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

Ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

Ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

Settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

Settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

Settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

Agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

Agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

Agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

Agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

Luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

Luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

Luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

Giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

Giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

Maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

Maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

Maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

Maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

Maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

Aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

Marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

Febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

Febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

Febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

Febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

Dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

Dicembre 26th, 2020

Non so dirti cos’è (l’amore)

Di seguito, alcune mie note e riflessioni contenute nella parte introduttiva della silloge di Emilio La Greca Romano: “Carmina et […]

Dicembre 24th, 2020

“Nudi nel tepore di Natale”

Nell’augurare a tutti un FELICE NATALE, propongo una lirica tratta da: “Paese d’anima e memoria” di Emilio La Greca Romano […]