List

I Basiliani e le comunità cilentane

di Pasquale Martucci

 

A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o più spesso accompagnati da intere famiglie, caratterizzati nella fisionomia da un volto scarno, dalla barba fluente, avvolti nel saio, scalzi o coi piedi riparati da corteccia di alberi e pelli di animali, con delle borracce ricavate da lunghe zucche incavate avvolte in panni ruvidi, si devono molti insediamenti umani alto-medievali nel Cilento. (1)

 

 

Nella lunga storia del Mezzogiorno, ed in particolare della terra cilentana, si è affermata una cultura religiosa popolare che ha inciso molto sulla società e le sue tradizioni.

Essa si è sviluppata in seguito alla comparsa dei monaci basiliani, che giunsero quando in Oriente si affermò la lotta contro il culto delle rappresentazioni religiose, dopo la salita al trono di Leone III di Isauria (Anatolia): in seguito al conflitto tra gli iconoclasti e i tradizionalisti iconodùli (adoratori di immagini), Leone ordinò la distruzione delle immagini. Ci furono rivolte e repressioni e la Chiesa di Roma, considerando che le icone avevano profonde radici nelle comunità, ebbe un orientamento opposto e scomunicò nel 731 l’imperatore di Oriente. (2)

Nel nostro territorio, le prime comunità di religiosi erano già presenti all’epoca degli apostoli: questi ultimi avrebbero fondato tre importanti diocesi: Velia, Bussento e Paestum, anche se le stesse erano “circoscrizioni amministrative corrispondenti alle poleis dell’età greca e alle civitates di età romana”. (3)

Nella seconda metà del III secolo, si diffuse il monachesimo, quel fenomeno socio-religioso, sviluppatosi nel basso Egitto, che si fondava su ideali pauperistici, su una totale osservazione della castità e sulla conduzione di una rigorosa vita ascetica. La tradizione vuole che il corpo di San Vito, giunto tra il 304 o 305 a.C., fosse trovato lungo il fiume Sele; inoltre, nel IV secolo, riunioni di credenti si tenevano nel tempio di Atena (Cerere) a Paestum; a Velia e Bussento vi erano tracce rispettivamente di “un oratorio cristiano” e di un vescovo cristiano. Le diocesi meridionali non cercarono in questo periodo di stravolgere le antiche usanze preesistenti alla loro fondazione: i vescovi avevano margini di autonomia e la usavano per far convivere “abitudini e mentalità pagane con valori e mentalità cristiane”. (4)

Dopo la promulgazione dell’Editto di Costantino nel 313, in cui si riconosceva la libertà di culto ai cristiani, questo modello di vita fu seguito anche in Palestina, Siria, Mesopotamia, Asia Minore e a Costantinopoli. Nel IV secolo i monaci incominciarono a organizzarsi in forme di vita in comune, stanziandosi in determinati luoghi, venendo più direttamente a contatto con i fedeli, ubbidendo a un superiore, pregando tutti insieme e dedicandosi all’autosostentamento grazie a semplici tecniche di agricoltura. (5)

L’intento era di indirizzare la comunità verso i veri fondamenti della religione e della fede. I caratteri della religione cristiana sono costituiti dalla “rivelazione divina”, dai dogmi, dall’attività missionaria, universalistica, “soteriologica ed escatologica”, che la fanno entrare nella tipologia delle “religioni moderne”. Si differenzia dalle altre per il “culto di Cristo”, inteso come “Dio fattosi uomo per salvare l’uomo, morto e risorto”. Il culto nasce dentro il “giudaismo”, una religione rivelata che considera il suo popolo eletto che deve essere iniziato mediante il “battesimo”. (6)

Lo sviluppo della cultura cristiana è nel rapporto uomo/divinità, terreno/aldilà. Intorno a questi elementi si modificò la base del vivere civile anche nel nostro territorio, molto influenzato dalla presenza del clero e delle manifestazioni religiose da esso esercitate.

Quando l’Impero Romano fu diviso a metà tra Occidente ed Oriente, le chiese avevano composizione territoriale e quella di Roma manifestava grossi segni di declino: l’importanza maggiore della Chiesa d’oriente era attestata dalla sua migliore organizzazione, oltre che adesione ai suoi disposti da parte delle popolazioni. (7)

Nelle prime comunità di cristiani, il presupposto che teneva unita una aggregazione di fedeli era la trasmissione di esempi di una vita fondata sui precetti religiosi: si affermò allora l’importanza della morte come continuazione della vita e si sostenne che la vera nascita è la morte, per raggiungere la gloria del Paradiso. Per cui, il martirio in nome della religione divenne un’usanza difficilmente discutibile. Il corpo del martire divenne oggetto di culto: sangue, ossa e ceneri venivano conservati, perché a loro si attribuiva un potere miracoloso. Le reliquie, i resti mortali dei martiri e dei santi, servivano per non smarrire il ricordo, per non dimenticare che il sacrificio non era la sconfitta ma “la vittoria di un essere prescelto dal Signore”. (8)

La forma devozionale più importante fu dunque il loro culto: i fedeli accorrevano in massa, si prostravano davanti le sacre spoglie, rivolgevano preghiere e intonavano canti e inni per ottenere favori terreni e interventi taumaturgici. I martiri e i Santi divennero i patroni della comunità. Le loro tombe erano considerate punto di incontro tra cielo e terra, uno spazio per entrare in contatto con il soprannaturale. Le richieste di avere un proprio Santo da venerare erano enormi, ed allora si scatenò una caccia alle reliquie, si moltiplicarono le scoperte di parti di corpi di martiri dispersi, che furono depositati nelle chiese. A nulla valse l’Editto di Teodosio del 386 che sancì l’inamovibilità dei corpi dei martiri e il divieto del commercio di reliquie. (9)

Il cristianesimo era una religione urbana e di conseguenza le aree rurali erano pervase dalle credenze magiche dei contadini, in quanto resistenti ad accettare i dettami della nuova religione, che stentava ad affermarsi per la scarsa presenza del clero e della sua opera di evangelizzazione. Allora l’opera della religione cercò di intervenire sulle strutture sociali di base: famiglia, villaggio, istituzioni civili, organizzazione del tempo, calendario. In seguito furono introdotte le feste di Pasqua e successivamente il Natale, ristrutturando il calendario liturgico: sotto Teodosio, la domenica divenne giorno festivo dedicato al Signore e la messa fu obbligatoria. (10)

Quando giunsero i seguaci di Basilio, si insediarono nei territori sottomessi all’Impero d’Oriente fondando chiese e comunità monastiche; si spinsero anche in località che non appartenevano all’Impero, come ad esempio il Cilento longobardo di lingua e cultura latina. (11)

Con la comparsa dei monaci orientali, il territorio cilentano subì una importante e feconda trasformazione. Tra l’VIII e il IX secolo, i basiliani incisero molto nella rinascita agricola e sociale, attraverso la costruzione dei monasteri e la lavorazione delle terre circostanti. Con il tempo alcuni coloni pagando, mai in danaro, un canone ai monaci, iniziarono a coltivare e a rendere fertili i terreni. (12)

Lo sviluppo di questo fenomeno determinò la nascita di tre importanti insediamenti monastici nel sud della nostra penisola. Un primo insediamento, denominato Mercurion, nacque in Calabria settentrionale, nel territorio del fiume Mercure, delimitato tra Laino (CS), il Castello di Mercurio e S. Nicola dei Greci (S. Nicola Arcella), un’area ai confini tra i domini longobardi e quelli bizantini, una “terra di nessuno” che ospitò i tanti monaci erranti. La seconda enclave monastica, il Latinianon, si sviluppò nella valle del Sinni, ai confini campano-lucani e prese il nome dall’antica città di Latiniano. I monasteri che nacquero all’interno di questa “eparchia” (diocesi nell’attuale significato) iniziarono a stringere rapporti più intensi con le popolazioni locali. Il terzo insediamento nacque nel basso Cilento, ai piedi del Monte Bulgheria dove era giunto San Nilo per sfuggire alle persecuzioni ed aveva trovato alcuni eremi e cenobi bizantini. (13)

Nell’VIII secolo si accelerò il processo di evangelizzazione del territorio; l’arrivo dei monaci favorì il miglioramento dell’agricoltura, grazie all’aumento del lavoro dei contadini e il loro coinvolgimento nel recupero di terreni abbandonati per coltivarli. Tra le innovazioni portate dall’Oriente una delle più significative fu la canalizzazione delle acque rendendo più funzionale l’irrigazione dei campi. I monaci basiliani fondarono numerosi monasteri e accolsero sulle loro terre contadini e braccianti: nel X secolo fu fondato anche il cenobio di San Giovanni Battista, che per circa sei secoli godette di grande fama, nel territorio alle falde del Monte Bulgheria. (14)

Nell’attuale abbazia di Pattano riposano i resti di San Filadelfio; a Perdifumo si costruì il monastero italo-greco di Sant’Arcangelo; a Cuccaro Vetere quello di San Nicola; ad Acquavella, San Giorgio; a Terricelli si realizzò il luogo di culto dedicato a Santa Maria; ad Eremiti, Santa Cecilia; a Rofrano, la Madonna di Grottaferrata; a Velia sorsero due chiese, dedicate a Santa Maria e San Quirico; a Novi addirittura tre, la Vergine, San Giorgio e San Nicola. (15)

Con l’aumento della popolazione, i grandi possidenti fondiari e i priori dei monasteri concessero terre demaniali e private a gruppi di famiglie riunite in cooperative agricole. Ne derivò un notevole incremento della produzione che favorì gli scambi commerciali tra le piccole comunità cilentane e le grandi città. Se nella prima metà del secolo VIII la persecuzione iconoclasta incrementò il fenomeno del monachesimo, spingendolo verso i territori dell’Italia longobarda, in quanto nelle province bizantine non entrarono mai in vigore le leggi iconoclaste, nei secoli successivi le cose cambiarono. Nel IX secolo l’occupazione araba della Sicilia circoscrisse il monachesimo in Calabria, Lucania e Puglia; il loro ritorno in Trinacria avvenne solo con 1’arrivo dei Normanni. I Basiliani, durante la dominazione degli angioini (1266-1282), attraversarono una fase inesorabile e irreversibile di decadenza. Il suo declino nel Cilento si realizzò durante la dominazione sveva. Dopo l’anno Mille, i pontefici disposero che si incominciassero a fare le visite ai monasteri italo-greci e a catalogare mediante degli inventari tutti i loro beni, mobili e immobili. (16)

Le invasioni barbariche avevano spinto i monaci in territori interni; ad essi si aggiunsero anche molte famiglie che cercavano di sfuggire a persecuzioni. I primi nuclei si organizzarono intorno a cappelle di legno costruite dai monaci; solo più tardi sorsero le prime chiese, che furono dedicate alla Madonna nominata “hodegitria, protettrice dei monaci itineranti greci”; i santi nel territorio ebbero i nomi di “S. Nicola di Mira, S. Giorgio, S. Michele Arcangelo, S. Elia, S. Filippo d’Agira, S. Biase, S. Sofia”. (17)

Gli eremiti decisero di vivere in solitudine, in luoghi lontani e deserti. I Cenobi sorsero a partire dall’anno 320, nell’alto Egitto: erano comunità con più case circondate da un muro, governate da una organizzazione del lavoro, delle preghiere, dei pasti e di tutte le emergenze quotidiane. Nacquero anche forme diverse di insediamento monastico come le laure, costituite da un gruppo di anacoreti che vivevano senza regola e senza l’obbligo di stabilità, in celle isolate. Le laure erano attratte dal carisma di un monaco (si pensi ai monasteri basiliani), fondate sulla mutua assistenza e carità tra i fratelli ed ubicate in posti che favorivano il lavoro manuale. Erano meno isolate rispetto alle società circostanti. (18)

In conclusione, si deve all’opera dei basiliani un periodo di prosperità e di benessere per le popolazioni di questo territorio: attuando una politica di bassi canoni e la commercializzazione dei prodotti, le stesse cominciarono a rendere fertili i campi, conoscendo una condizione di vita più agevole anche grazie al conseguente aumento demografico. Poi le cose cambiarono, ma era ormai l’inizio dell’epoca feudale che si trascinerà nei secoli successivi e causerà una profonda frattura tra ceti ricchi e poveri, tra sfruttatori e sfruttati, tra accumulatori di latifondi e nullatenenti, tra potenti ed oppressi, come la storia ha tramandato alle future generazioni.

 

 

Note:

 

  1. A. Di Rienzo, 1987, “L’influenza Bizantina nel Cilento”, Il Mezzogiorno Culturale, A. I – n. 1.
  2. C. Alzati, “Il movimento iconoclasta”, in G. Filoramo (a cura di), 2005, “Storia delle religioni. Il cristianesimo”, Laterza, p.818.
  3. P. Ebner 1982, “Chiesa, baroni e popolo nel Cilento” Voll.2, Ed. Storia e Letteratura, p.13.
  4. Ivi, pp.15-17.
  5. C. Bellotta, 2012, “Il monachesimo basiliano nel Cilento. Il Cenobio di S. Giovanni a Piro”, in “Annali storici di Principato di Citra”, anno X n.1 Tomo 1, pp.130-145.
  6. A. Pincherle, “Cristianesimo” (voce), in Enciclopedia Italiana Treccani – vol. XI, Roma, Ed. 1949, pp.963-965.
  7. K. A. Fink, 1998, “Chiesa e papato nel Medioevo”, Ed. Il Mulino, p.13.
  8. S. Pricoco, 2005, “Dal concilio di Nicea a Gregorio Magno”, in G. Filoramo (a cura di), “Storia delle religioni. Il cristianesimo”, Laterza, pp.38-39.
  9. Ivi, pp.117-119.
  10. Ivi, pp.113-117.
  11. Cfr.: C. Troccoli, 1986, “Montesacro, antichissimo Santuario Basiliano”, Ed. Laurenziana. Sui Basiliani; P. Abbate, 1999, “Cenobi itali-greci e paesi del Basso Cilento”, Palladio Editrice; S. Borsari, 1963, “Il monachesimo bizantino nella Sicilia e nell’Italia meridionale prenormanne”, Istituto italiano per gli studi storici, Napoli; B. Cappelli, 1961, “Il monachesimo basiliano ai confini calabro-lucani”, Fausto Fiorentino Editore.
  12. P. Del Mercato, 1980, “Cilento, uomini e vicende”, Reggiani Editore, pp.20-21.
  13. C. Troccoli, 1994, “Pia guida del pellegrino”, Edizioni del Santuario, Novi Velia (SA), pp.12-18. Cfr. anche: C. Bellotta, cit.
  14. Cfr.: L. Tancredi, 1991, “L’Abbazia Basiliana si S. Giovanni a Piro (Salerno). Millennio della sua fondazione 990-1990”, Edizione Cantelmi.
  15. C. Troisi, 1984, “I Monasteri di rito Greco-Bizantino del Cilento nell’alto medioevo”, in AA.VV., 1987, “Cilento a occhio nudo” (a cura di M. Vassalluzzo), Massimo Villano Editore, pp.181-182.
  16. C. Bellotta, cit.
  17. P. Ebner, cit., pp.32-36.
  18. S. Pricoco, cit., p.126.

2 Responses to “Pagine di storia / I Basiliani”

  1. vincenzo guarracino

    Molto interessante. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 10
Novembre 29th, 2020

Paese d’anima e memoria

Di seguito pubblico due poesie dense d’amore e ricordi del paese natio di Emilio La Greca Romano —————————————————————– “A tessitura […]

Novembre 24th, 2020

L’attualità di Spinoza

Baruch Spinozaè tra le figure più affascinanti e fraintese della storia della filosofia, come è accaduto a tanti pensatori vittime […]

Novembre 22nd, 2020

Terremoto dell’Irpinia … quarant’anni fa

Scene di pianto, volti atterriti, momenti di lutto, disagi esistenziali tornano oggi alla memoria: sono passati ben quarant’anni dal terremoto, […]

Novembre 14th, 2020

Il dominio dei Social Media

Lo sviluppo del web ha radicalmente trasformato la società con l’introduzione di tecnologie user-driven, come blogs, social networks e piattaforme […]

Novembre 8th, 2020

Ricordi e memoria / Torna com’eri quando …

Emilio La Greca Romano è tante cose: poeta e scrittore, docente e giornalista pubblicista (ha collaborato e collabora con diverse testate […]

Novembre 4th, 2020

C’era Molpa oltre Palinuro

Dal mare di Palinuro si possono osservare alcune grotte impareggiabili, rocce ed una spiaggia di sabbia che brilla. La leggenda […]

Settembre 8th, 2020

Dibattito / Marx, operaismo e teoria

Ho ricevuto da Antonio Peduzzi uno scritto di Mario Tronti, a proposito ed intorno alla sua ultima pubblicazione: “La teoria […]

Agosto 30th, 2020

“Aspromonte, la terra degli ultimi”

Note a margine del film di Mimmo Calopresti: “Aspromonte, la terra degli ultimi”. Comunità e destino di Pasquale Martucci   […]

Agosto 25th, 2020

Il pensiero / Hegel

Lo Spirito Assoluto nella dialettica hegeliana di Pasquale Martucci   Il 27 agosto di 250 anni fa nasceva Georg Wilhelm […]

Agosto 15th, 2020

Storia e radici – Il Cilento

Cilento: alla ricerca delle origini di Pasquale Martucci   Il Cilento è oggi una zona molto ampia, che parte dal […]

Luglio 24th, 2020

Idee e società – Ferdinand Tönnies

Il concetto di comunità in Tönnies di Pasquale Martucci   «La teoria della società riguarda una costruzione artificiale, un aggregato […]

Luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

Luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

Luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

Giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

Giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

Giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

Maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

Maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

Maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

Aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

Aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

Aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

Aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

Aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

Marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

Marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

Marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

Marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

Marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

Febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

Febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

Febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

Febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

Gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

Gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

Gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

Gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

Dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

https://www.ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

Dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

Dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

Dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

Dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

Dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

Novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

Novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

Novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

Novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

Novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

Ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

Ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

Ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

Ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

Ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

Settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

Settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

Settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

Agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

Agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

Agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

Agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

Luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

Luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

Luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

Giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

Giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

Maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

Maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

Maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

Maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

Maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

Aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

Marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

Febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

Febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

Febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

Febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

Dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

Ottobre 26th, 2020

Concorso di poesia “La perla del Lazio”

II Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Gaeta Perla del Lazio” organizzato da “Il Saggio Editore” in collaborazione con “Fondazione Caboto”, […]

Ottobre 24th, 2020

Alla ricerca delle radici – Velia

La potenza di Elea di Pasquale Martucci   Nel territorio cilentano, una città molto importante fu certamente la romana Velia, […]

Ottobre 17th, 2020

Pensieri ed idee / Michelstaedter

La via della persuasione in Carlo Michelstaedter di Pasquale Martucci   «Cosa che mi possa fare diverso da quel che […]

Ottobre 10th, 2020

“FRATELLI TUTTI” – Sull’enciclica di papa Francesco

“FRATELLI TUTTI” Note sull’ultima enciclica di papa Francesco tra questioni politiche e sociali di Pasquale Martucci   Al centro dell’ultima […]