List

Il I° Congresso del Partito Comunista d’Italia, quello fondativo, si svolse a Livorno il 21 gennaio 1921, dopo che i delegati della frazione comunista abbandonarono il teatro Goldoni, dove si svolgeva il XVII Congresso del Partito Socialista Italiano, e cantando l’Internazionale si recarono al teatro San Marco. (1)

Durante il XVII Congresso socialista, si affermò la corrente massimalista-unitaria, guidata da Serrati, la più numerosa e forte, favorevole all’Internazionale comunista ma con molte riserve; la corrente comunista, formata dagli ordinovisti di Gramsci e dagli astensionisti di Bordiga, appoggiati dall’Internazionale, pur giungendo seconda ebbe più della metà dei voti della componente serratiana. Infine, i riformisti di Turati, contrari ai principi dell’Internazionale, giunse molto distaccata: al Congresso il loro leader aveva ribadito con forza il rifiuto della dittatura del proletariato, della rivoluzione e della violenza delle masse, proponendo una graduale azione parlamentare riformista. Dopo quel Congresso, temendo di perdere delegati e nel tentativo di arginare la fuga della classe lavoratrice, Serrati e Turati si affrettarono ad accettare “principi e metodi comunisti”. Ma questa mossa non bastò ad evitare la scissione.

La corrente comunista dovette prendere atto della sconfitta, ma constatò anche che erano tanti i seguaci entusiasti che li appoggiavano: occorreva dunque subito fondare il Partito Comunista d’Italia, quale sezione dell’Internazionale Comunista. Al Teatro San Marco si svolse allora il I° Congresso del partito. Il nuovo gruppo dirigente fu formato: dal gruppo “astensionista” che faceva capo a Bordiga, futuro primo leader del nuovo Partito; dal gruppo dell’Ordine Nuovo di Gramsci, Togliatti, Terracini e Tasca; dalla corrente massimalista di Marabini e Graziadei; dalla stragrande maggioranza della Federazione giovanile socialista. (2)

La scissione nasceva dopo gli avvenimenti internazionali che avevano caratterizzato gli anni precedenti: in primo luogo oltre i confini italiani, dopo la Rivoluzione d’Ottobre del 1917, ci fu la nascita a Mosca della Terza Internazionale (raggruppava i partiti comunisti e si svolse dal 1919 al 1943) che intendeva esportare in tutta Europa il proprio modello, chiedendo l’epurazione delle correnti riformiste e l’assunzione del nome comunista al posto di quello socialista. Lenin era la guida che spingeva per la dittatura del proletariato, organizzata dai Soviet, in un Paese (quello russo) in cui, come affermava Trockij, vi era “la più concentrata industria d’Europa sulla base dell’economia agricola più arretrata”. (3)

I settori più rivoluzionari dei movimenti operai erano affascinati da ciò che accadeva. In Italia occorreva considerare il ruolo del Partito Socialista Italiano che, a differenza degli altri partiti europei, si era caratterizzato per un proprio atteggiamento autonomo durante la Prima Guerra Mondiale, con la parola d’ordine “né aderire né sabotare”. La situazione post-bellica fece precipitare le divisioni politiche tra le tante anime di quel partito: la destra riformista e socialdemocratica, i massimalisti, i comunisti.

Se il primo Congresso della Terza Internazionale (Comintern, o in russo Komintern) non aveva avuto modo di precisare gli aspetti più importanti di natura strategica e organizzativa, il secondo, riunito a Mosca nel luglio del 1920, decise di individuare le condizioni a cui si dovevano sottoporre i partiti per entrare nell’organizzazione. (4)

Furono così stabiliti 21 punti che, da un lato, cercavano di tracciare un solco tra i partiti comunisti e i riformisti di destra e di centro, dall’altro correggevano la deriva estremista e settaria che aveva contagiato alcuni gruppi a livello internazionale, in particolare in Germania. L’espulsione dei riformisti era conseguente alla situazione che si era creata in Ungheria, con la fusione dei comunisti con la sinistra socialdemocratica. Al punto 13 si stabiliva: “I partiti comunisti dei paesi in cui i comunisti operano nella legalità ogni tanto debbono intraprendere un’opera di epurazione (reiscrizione) tra i membri del partito per sbarazzarsi di tutti gli elementi piccolo borghesi che vi siano infiltrati”. (5)

Il partito comunista applicherà più volte il dettato del punto 13, uno dei più importanti tra i 21 punti approvati in quel II° Comintern: in Italia, il primo espulso fu Angelo Tasca a cui man mano si uniranno dirigenti non graditi al nuovo corso stalinista e alla leadership di Palmiro Togliatti; lo stesso Antonio Gramsci fu abbandonato al suo destino in carcere senza impegnarsi troppo per la sua liberazione. (6)

A settembre del 1920, in Italia l’ala più a sinistra del partito ottenne l’approvazione in Direzione di un ordine del giorno firmato da Umberto Terracini che proponeva il recepimento integrale ed incondizionato dei 21 punti, e di conseguenza anche l’espulsione dei riformisti. Tale votazione stabilì quelle che sarebbero state al successivo Congresso le due frazioni principali: quella comunista pura, guidata da Amadeo Bordiga, e quella dei comunisti unitari di Giacinto Menotti Serrati. L’esigenza di costituire un nuovo organismo portò nel mese di ottobre al consolidamento della frazione comunista, in cui si riunirono l’area che faceva capo a Bordiga, principale ispiratore ed organizzatore della frazione, il gruppo torinese de L’Ordine Nuovo, gli esponenti del massimalismo di sinistra e gran parte della Federazione giovanile. L’atto ufficiale di costituzione fu un manifesto-programma sottoscritto a Milano il 15 ottobre 1920 da Bordiga, Gramsci, Misiano, Terracini, Bombacci, Repossi, Fortichiari e Polano. (7)

La mozione che i comunisti avrebbero presentato al congresso socialista fu ratificata definitivamente in un Convegno svoltosi al Teatro comunale di Imola, tra il 28 e il 29 novembre 1920: la più conosciuta mozione di Imola. Il testo mirava alla trasformazione del Partito socialista in Partito comunista, da cui sarebbe stato necessario escludere i concentrazionisti e comunque tutti coloro che al Congresso avrebbero votato contro il programma comunista e contro l’osservanza completa delle 21 condizioni d’ammissione all’Internazionale.

È importante ricordare come giunsero alla svolta di Livorno le tre personalità più rappresentative e che cosa accadeva negli anni immediatamente successivi alla Rivoluzione d’Ottobre.

Bordiga era un uomo d’iniziativa, robespierriano e dedito all’azione, proveniente dal socialismo napoletano. Per lui erano prioritari i precetti morali e i principi ideologici: era un proletario che coniugava intraprendenza e ingegno ed auspicava la “Nuova Internazionale dei lavoratori”, polemizzando con i riformisti. Gramsci aveva una preparazione filosofica e letteraria: i suoi riferimenti erano Hegel, Marx ed inizialmente Croce. Aveva ideali moderni e laici, ma era l’antitesi del tribuno. Cercava di convincere piuttosto che comandare. Nel 1914 aveva parlato di neutralità attiva ed operante, a proposito dell’interventismo nella grande guerra, forse attratto anche dalla personalità del socialista Mussolini. Poi nel 1917 contattò direttamente il movimento dei lavoratori e scrisse della rivoluzione di ottobre. Serrati era invece l’uomo dell’unità, con l’idea della necessità graduale della rivoluzione. (8)

Il Congresso di Bologna del 1918 è quello dell’attesa della Rivoluzione. Il 70% del partito socialista è su queste posizioni, con Lenin come richiamo costante. Gramsci scrive che il bolscevismo è un fenomeno storico di immensa portata, opera di avanguardie consapevoli e di masse che si muovono sulla via giusta. La dittatura del proletariato è la difesa contro la dittatura borghese che ha portato alla guerra. Nel gennaio 1919 Lenin invita i comunisti europei a partecipare ad una Conferenza per creare una nuova Associazione Internazionale dei lavoratori. Se la Prima Internazionale di Marx aveva gettato le fondamenta per la lotta per il socialismo e la seconda aveva preparato il terreno per la diffusione di massa del movimento, la terza avrebbe dovuto cominciare ad attuare la dittatura del proletariato. (9)

In Italia nel 1919 c’è tensione sociale, in quanto tutti i ceti sono in condizione di disagio e sofferenza. Aumentano gli scioperi rivendicativi per salvaguardare soprattutto il tenore di vita; ma dall’altro essi servono a creare associazionismo seguendo il modello bolscevico. Il partito socialista si affida alla propaganda ed agita le masse. In questa fase si distinguono i massimalisti, prigionieri dell’ideologia, che guardano alla prospettiva; i rivoluzionari rifiutano scelte tattiche e attendono il crollo della borghesia. Tutti però, da Gramsci a Treves, da Serrati a Bordiga, aspettano la rivoluzione. Lo sciopero è l’arma e le elezioni del 1919 diventano un successo elettorale. Ora, grazie all’influenza bolscevica, la tendenza è il superamento dei presupposti teorici del socialismo a partire dal 1892. Però i massimalisti propugnano un regime transitorio della dittatura del proletariato, creando i Consigli dei lavoratori, contadini e soldati, i Soviet. (10)

Turati non crede al successo del bolscevismo ed è contro il massimalismo dominante. La differenza è netta tra i riformisti e i massimalisti, però questi ultimi non possono che scegliere di passare con i comunisti che hanno ormai l’avallo della Terza Internazionale. Bordiga è per l’azione rivoluzionaria, Serrati però non vuole la responsabilità della scissione. Gramsci si esprime contro la piccola e media borghesia corrotta e dissoluta, la barriera che serve al capitalismo per difendere il suo potere economico e politico. (11)

Amadeo Bordiga già alla fine del 1919 e nel gennaio del 1920 si era messo in contatto con il Comitato centrale della Terza Internazionale, per informarlo sulle iniziative che aveva cominciato ad intraprendere e a divulgare attraverso un organo di stampa settimanale: Il Soviet. La frazione comunista astensionista, come essa si denominò, rifiutava le elezioni e il Parlamento come terreno di lotta politica, in una fase storica giudicata prerivoluzionaria, e sosteneva la necessità di concentrare tutte le energie del partito nella preparazione insurrezionale del proletariato. Con questo programma Bordiga mirava alla scissione. Cercò l’intesa con altre forze ostili ai riformisti e ai centristi di Serrati (tra essi si distinguevano FIGS, ordinovisti, massimalisti di sinistra) e la raggiunse, superando le divisioni soprattutto con Gramsci che era stato in precedenza tacciato di localismo, di aziendalismo e soprattutto di non comprendere il ruolo riservato al partito nel processo rivoluzionario rispetto ai consigli operai. Il leader ordinovista tentava di rinnovare il partito socialista dall’interno, pur essendo minoranza rispetto alle stesse posizioni di Lenin. Se Serrati cercava di mantenere l’unità socialista per non perdere la massa degli iscritti, da Mosca la linea era di favorire la rivoluzione e di espellere non solo i riformisti ma anche i comunisti che tentennavano, perché il “partito si rafforzerà cento volte di più se i riformisti si allontaneranno completamente dalle sue file”. (12)

È l’assenso alla linea di Bordiga per la scissione; Gramsci l’accetterà non senza riserve come soluzione inevitabile. Un mese dopo la scissione di Livorno, Gramsci dovrà accontentarsi di un ruolo subalterno per un’adesione troppo tardiva. Del resto, per lui la scissione sarà considerata “il più grande trionfo della reazione”. (13)

Serrati cerca ancora il 16 dicembre 1920 di difendere il partito e il proletariato “dall’insana smania di distruzione e di demolizione”, e il movimento socialista italiano nella sua interezza. Ma la scissione è inevitabile, perché le distanze sono incolmabili.

Con la nascita del nuovo partito, chiamato Partito Comunista d’Italia – Sezione dell’Internazionale Comunista, fu eletto un primo Comitato Centrale, nel quale erano sanciti i rapporti di forza interni: Bordiga (di fatto il capo), Grieco, Parodi, Sessa, Tarsia, Polano, Gramsci, Terracini, Belloni, Bombacci, Gennari, Misiano, Marabini, Repossi e Fortichiari. Il partito stabilirà un minuzioso progetto di statuto, dando molto rilievo all’organizzazione della struttura e curando in modo particolare gli organi di stampa che avrebbero dovuto raggiungere le masse proletarie: a Milano uscirà Il Comunista, il bisettimanale organo centrale del Partito; l’Ordine Nuovo diventerà il primo quotidiano del Partito, cui si affiancherà Il Lavoratore di Trieste. (14)

Il programma politico fu fissato in dieci punti. Al centro c’era la critica all’attuale regime sociale capitalistico che aveva dato origine all’antitesi ed alla lotta di classe tra il proletariato e la borghesia dominante (primo punto). Il secondo si occupa dei rapporti di produzione protetti dal potere dello Stato borghese, che, fondato sul sistema rappresentativo della democrazia, costituisce l’organo per la difesa degli interessi della classe capitalistica. Il terzo riguardava l’abbattimento del potere borghese che sfrutta il proletariato. Seguiva (quarto punto) l’indicazione che il partito politico, come organo indispensabile alla lotta rivoluzionaria, doveva unificare gli sforzi delle masse lavoratrici, facendo emancipare il proletariato, diffondendo nelle masse la coscienza rivoluzionaria e organizzando e dirigendo i mezzi materiali d’azione per la lotta del proletariato. Il quinto punto riguardava la critica al ricorso alla guerra, causata dalle intime insanabili contraddizioni del sistema capitalistico, le quali avevano prodotto l’imperialismo moderno ma anche rilevato la crisi del capitalismo: in questo scenario la lotta di classe non poteva che risolversi in conflitto armato tra le masse lavoratrici ed il potere degli Stati borghesi. Dopo l’abbattimento del potere borghese, recita il sesto punto, il proletariato può organizzarsi in classe dominante solo con la distruzione dell’apparato statale borghese e con la instaurazione dello Stato basato sulla sola classe produttiva, escludendo da ogni diritto politico la borghesia. Il settimo aspetto si riferisce all’organizzazione: la forma di rappresentanza politica nello Stato proletario è il sistema dei Consigli dei lavoratori (operai e contadini), già in atto nella rivoluzione russa, stabilendo l’inizio della rivoluzione proletaria mondiale e la realizzazione della dittatura proletaria. La necessaria difesa dello Stato proletario (punto 8), contro tutti i tentativi contro–rivoluzionari, può essere assicurata togliendo alla borghesia ed ai partiti avversi alla dittatura proletaria ogni mezzo di agitazione e di propaganda politica, attraverso l’organizzazione armata del proletariato per respingere gli attacchi interni ed esterni. Al penultimo punto si parla dell’importanza dello Stato proletario per attuare tutte quelle successive misure d’intervento nei rapporti dell’economia sociale, con le quali si effettuerà la sostituzione del sistema capitalistico con la gestione collettiva della produzione e della distribuzione. La conclusione, punto 10, recita così: per effetto di questa trasformazione economica e della vita sociale, con l’eliminazione della divisione della società in classi, non ci sarà la necessità dello Stato politico, il cui ingranaggio si ridurrà progressivamente a quello della razionale amministrazione delle attività umane. (15)

Per sottolineare l’importanza delle scelte compiute cento anni fa, Gramsci dirà che quel I° Congresso passerà alla storia, come è poi effettivamente accaduto, e che occorrerà distaccare comunisti e riformisti: la classe operaia dovrà necessariamente essere altra dal “parassitismo statale”, dal “capitalismo industriale e finanziario”, da tutte quelle forze che agivano “alle spalle della maggioranza del popolo lavoratore”. (16)

Gramsci, che nella fase iniziale della scissione ebbe un ruolo non di primo piano, in seguito influenzerà, con la sua visione filosofica, politica e storico-culturale, i destini di quel partito e condizionerà con le sue idee molti intellettuali, che indirizzeranno il PCI verso politiche distanti dall’iniziale concezione bordighiana. Le Tesi di Lione del 1926, scritte prevalentemente dall’intellettuale che si era formato negli ambienti ordinovisti, saranno determinanti per tracciare le linee del partito. Si posero in essere le questioni relative: ai processi di formazione e trasformazione dei partiti comunisti; all’analisi della struttura sociale italiana; alla politica della borghesia italiana; al fascismo e alla sua politica; alle forze motrici e alle prospettive della rivoluzione; ai compiti e alla costruzione del partito comunista; all’ideologia, all’organizzazione e al funzionamento del partito; alle strategie e alla tattica da utilizzare. Ciò che occorreva privilegiare era il proletariato italiano che doveva avere una funzione unificatrice e coordinatrice della società, un programma unitario, per attaccare il tessuto del sistema capitalistico e contrastare la reazione che aveva portato al fascismo. Scrive Gramsci: “la tattica del fronte unico deve continuare ad essere adottata dal partito nella misura in cui esso è ancora lontano dall’aver conquistato una influenza decisiva sulla maggioranza della classe operaia e della popolazione lavoratrice”. (17)

Il PCd’I subirà una repressione da parte fascista nello stesso anno di quelle Tesi: vedrà in carcere buona parte del suo gruppo dirigente, tra cui lo stesso Gramsci. Ma la linea era tracciata ed un nuovo gruppo dirigente seguirà quelle indicazioni negli anni a venire. (18)

In seguito, il comunismo avrà una parte importante nella nascita della Repubblica e nel suo impianto istituzionale, accompagnando per oltre mezzo secolo le battaglie per l’emancipazione dei lavoratori e influenzando in maniera preponderante la cultura italiana.

Note:

  1. P. De Sanctis, “1921. Fondazione del Partito Comunista Italiano”, in Centro Gramsci di Educazione, 24 novembre 2020.
  2. Ivi. Cfr. anche: L. Cortesi, “Le origini del PCI. Studi e interventi sulla storia del comunismo in Italia”, FrancoAngeli, 1999 (or. 1972);
  3. “Comunismo”, Istituto Enciclopedia Italiana Treccani, vol. XI – Ed. 1949, 29-34.
  4. P. Spriano, “Storia del Partito comunista italiano”, Einaudi, 1967.
  1. P. Spriano, cit. Cfr. anche: G. Galli, “Storia del Partito Comunista Italiano”, Il Formichiere, 1976.
  2. “Le 21 Condizioni per l’adesione all’Internazionale Comunista”, in marxismo.net, 17 ottobre 2019.
  3. G. Galli, cit.
  4. P. Spriano, cit., 11-17.
  5. Ivi, 18-22.
  6. Ivi, 26-28.
  7. Ivi, 30-31.
  8. Vladimir Il’ič Ul’janov Lenin, in: “Falsi discorsi sulla libertà”, 4 novembre-11 dicembre 1920.
  9. G. Fiori, “Vita di Antonio Gramsci”, Laterza, 1966-1991, 167-172. Su Gramsci, cfr.: M. Battini, “Note su Gramsci nel 1918-20”, in Rivista di Storia Contemporanea, Torino, Vol. 7, Fasc. 3, 1978; A. Gramsci, “L’Ordine Nuovo 1919-1920”, Einaudi, 1954.
  10. P. De Sanctis, cit.
  11. “Programma del Partito Comunista d’Italia”, da Il Comunista del 31 gennaio 1921.
  12. P. De Sanctis, cit.
  13. A. Gramsci, “Scritti politici” vol. terzo, Editori Riuniti, 1973, 303. Sulle Tesi di Lione, cfr. anche: AA.VV., “Le tesi di Lione. Riflessioni su Gramsci e la storia d’Italia”, FrancoAngeli, 1990; “Tesi del III Congresso del Partito comunista d’Italia”, gennaio 1926, MIA – Sezione italiana, in Archivio Gramsci.
  14. R. Sarti, “Lo scontro tra Gramsci e Bordiga e le Tesi di Lione”, Seminario, in www.marxismo.net.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 14
Luglio 25th, 2021

Lo studio dei fenomeni di Husserl e Schütz

La fenomenologia è scienza contemplativa, apofantica (nella ragione si rivela l’essere), rigorosa (perché fornita di fondamenti assoluti), intuitiva (coglie le […]

Luglio 22nd, 2021

Majorana, Cilento: un dibattito aperto

Il 25 Luglio 2021 alle ore 20:00, nell’ambito della Rassegna di “Libri Meridionali, vetrina della piccola editoria del Sud 2021”, […]

Luglio 19th, 2021

Web e umanità

“Non siamo schiavi del web, bensì della nostra pigrizia, o più precisamente della nostra ignavia, che ci impedisce di pensare […]

Luglio 4th, 2021

Cantori e cuoratori del passato

“Non sanno quello che dicono i cantori della cultura contadina e della madre terra!”, ovvero un mondo patriarcale e violento, […]

Luglio 1st, 2021

Repubblica delle Idee 2021

Il Festival di Repubblica compie dieci anni e festeggia a Bologna dall’8 all’11 luglio tra dibattiti, interviste e spettacoli. Un ampio programma che toccherà […]

Giugno 26th, 2021

Memorie di un paese

È stato appena pubblicato il volume di Emilio La Greca Romano: “Paese d’anima e memoria”. Ho realizzato alcune note introduttive […]

Giugno 24th, 2021

Pasolini, Gramsci e la sinistra

L’intellettuale, che ha sempre anticipato i cambiamenti sociali ed osservato con particolare attenzione degrado, povertà e periferie, è stato spesso […]

Giugno 17th, 2021

Letteratura a Salerno

Con la nona edizione, dal titolo: “Le occasioni“, dal 18 al 26 giugno ritorna Salerno Letteratura, il più grande festival letterario del […]

Giugno 11th, 2021

La casa come habitus

Emanuele Coccia ha scritto un interessante volume: “Filosofia della casa. Lo spazio domestico e la felicità” (Einaudi, 2021), in cui […]

Giugno 5th, 2021

Giornata Mondiale dell’Ambiente 2021

L’uomo è parte dell’ambiente, anche se ha scelto di sfruttarlo senza pensare alle conseguenze. È giunto adesso il tempo di […]

Giugno 2nd, 2021

Giochi criminali

https://www.ricocrea.it/wp-content/uploads/2021/06/23-giochi-criminali.pdf
Maggio 27th, 2021

Festa di Santa Maria dei Campi

  La Festa dei Campi è un appuntamento ormai consolidato a Giovi-Salerno, sentito come periodo aggregativo, in cui la collettività […]

Maggio 24th, 2021

La verità di Santoro

“Oggi la mafia ha deposto il sogno di farsi Stato; non mette le bombe, si nasconde tra i pali della […]

Maggio 14th, 2021

Il vero ritratto di Dante

«Pace, concordia, fratellanza: c’è da chiedersi come sia potuto accadere che la Commedia, un poema di ben 100 canti, e […]

Maggio 4th, 2021

La dimensione sociologica delle feste: dai riti consolidati alle forme aggregative.Ricerche nel territorio cilentano

La ritualità è stata sempre la principale caratteristica delle feste che si sono diffuse e consolidate nella tradizione e nella […]

Maggio 2nd, 2021

PROFILO DI “MARIO”, CIOE’ “GIOVANNINO”, DURANTE E A RIDOSSO DELLA GRANDE GUERRA

Il prof. Vincenzo Aversano propone un secondo intervento sul poeta e compositore E.A. MARIO, artista e “genio assoluto”, interprete di […]

Aprile 30th, 2021

IL PATRIOTTISMO UMANO E POETICO DI E.A. MARIO

Il prof. Vincenzo Aversano, già ordinario di Geografia presso l’Università di Salerno, che si è sempre distinto per essere uno […]

Aprile 26th, 2021

La cultura da tutelare

Uno sguardo a Palmira, città da recuperare dopo la furia distruttrice dei fondamentalisti jihadisti che hanno cercato di cancellare la […]

Aprile 9th, 2021

Il concetto di parrēsia in Michel Foucault

Riflessioni e analisi sul concetto di “verità”, di cui si occupò il filosofo francese negli ultimi anni della sua vita. […]

Aprile 1st, 2021

Gli indifferenti e lo spirito del nostro tempo

Nel 2020 è stato realizzato il film: Gli indifferenti, adattamento cinematografico del romanzo di Moravia, dopo il lavoro di Citto Maselli (1964) […]

Marzo 23rd, 2021

La scomparsa di Giuseppe Tarallo

Giuseppe Tarallo, ex sindaco di Montecorice ed ex presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, un […]

Marzo 18th, 2021

Fenomenologia del calcio tra partecipazione e rappresentazione

“Ad attrarre il pubblico più vasto, tra tutti gli eventi della storia dell’umanità non è stato un avvenimento politico particolare […]

Marzo 12th, 2021

Un laboratorio per lo studio del COVID-19

Da poco è stato pubblicato un interessante volume: “L’emergenza Covid-19. Un laboratorio per le scienze sociali”, curato da Massimo Cuono, […]

Marzo 5th, 2021

Il potere dei “ricchini”

Il Cilento è un’area che si è consolidata, attraverso il corso dei secoli, della sua storia e della sua cultura, […]

Febbraio 24th, 2021

Esercizi di filosofia del quotidiano. L’attualità del pensiero di Pier Aldo Rovatti

‹‹Quante volte mi hanno chiesto ai dibattiti: “Ma insomma mi vuoi dire con chiarezza che cos’è il pensiero debole così […]

Febbraio 15th, 2021

I significati delle maschere rituali

Il Carnevale è legato a rituali che si tramandano da tempi remoti e trovano particolare riscontro nella tradizione antica delle […]

Febbraio 9th, 2021

L’identità come cambiamento per “uscire dalla foresta”

“L’identitario «duro», quello che stringe la tenaglia, ascolta solo quelli che parlano come lui, pensano come lui, sta chiuso nella […]

Febbraio 1st, 2021

L’anima di Napoli

Napoli è un miracolo materiale, la faccia tesa di chi spera senza la pretesa di sperare bastano pochi gesti e […]

Gennaio 27th, 2021

Il Covid-19 come creatura mitica

A partire dai 33 frammenti di Alessandro Baricco: “Quel che stavamo cercando”, alcune riflessioni sul senso del mito in una […]

Gennaio 20th, 2021

La scissione di Livorno e la nascita del PCd’I

Il I° Congresso del Partito Comunista d’Italia, quello fondativo, si svolse a Livorno il 21 gennaio 1921, dopo che i delegati della frazione comunista abbandonarono il […]

Gennaio 15th, 2021

Filosofia – Misano Adriatico

Sfide – I filosofi interrogano il nostro tempo Rassegna filosofica ON-LINE Comune di Misano Quali sono le sfide del XXI […]

Gennaio 13th, 2021

I 45 anni de LA REPUBBLICA osservando “anime e stelle danzanti”

Quando il 14 gennaio 1976 fa veniva pubblicato il primo numero del quotidiano: la Repubblica, lo aspettavano in tanti che […]

Gennaio 6th, 2021

Mutamento dei modelli di genere

Negli ultimi anni, la violenza sulle donne è diventato un problema di stringente attualità, da quando è emersa con grande […]

Dicembre 31st, 2020

BUON ANNO 2021 – L’importanza di essere diversi per realizzare la conoscenza

Alcune brevi note su un personaggio genio e sregolatezza. Edmund Kean (Londra, 17 marzo 1787 – Richmond, 15 maggio 1833), […]

Dicembre 27th, 2020

SMART WORKING

Dal taylorismo al telelavoro, dalle società pre-industriali a quelle post-industriali, il sociologo Domenico De Masi, affrontando gli ambiti di questo […]

Dicembre 16th, 2020

Diano e il Castello della Congiura

Teggiano con il suo centro storico medievale è collocata su un’altura a 637 metri s.l.m.; poi inizia la discesa lungo […]

Dicembre 8th, 2020

Un poeta e il suo tempo

Alcune riflessioni sul volume: A. Barbero, “Dante”, Laterza 2020 ……………….. Sabato 11 giugno 1289, il giorno di San Barnaba, Dante […]

Dicembre 2nd, 2020

San Giovanni a Piro: il Cenobio basiliano

San Giovanni a Piro è il paese degli archi, delle stradine strette, delle scale e balaustre, dei comignoli merlati, dei […]

Novembre 29th, 2020

Paese d’anima e memoria

Di seguito pubblico due poesie dense d’amore e ricordi del paese natio di Emilio La Greca Romano —————————————————————– “A tessitura […]

Novembre 24th, 2020

L’attualità di Spinoza

Baruch Spinozaè tra le figure più affascinanti e fraintese della storia della filosofia, come è accaduto a tanti pensatori vittime […]

Novembre 22nd, 2020

Terremoto dell’Irpinia … quarant’anni fa

Scene di pianto, volti atterriti, momenti di lutto, disagi esistenziali tornano oggi alla memoria: sono passati ben quarant’anni dal terremoto, […]

Novembre 14th, 2020

Il dominio dei Social Media

Lo sviluppo del web ha radicalmente trasformato la società con l’introduzione di tecnologie user-driven, come blogs, social networks e piattaforme […]

Novembre 8th, 2020

Ricordi e memoria / Torna com’eri quando …

Emilio La Greca Romano è tante cose: poeta e scrittore, docente e giornalista pubblicista (ha collaborato e collabora con diverse testate […]

Novembre 4th, 2020

C’era Molpa oltre Palinuro

Dal mare di Palinuro si possono osservare alcune grotte impareggiabili, rocce ed una spiaggia di sabbia che brilla. La leggenda […]

Ottobre 24th, 2020

Alla ricerca delle radici – Velia

La potenza di Elea di Pasquale Martucci   Nel territorio cilentano, una città molto importante fu certamente la romana Velia, […]

Settembre 8th, 2020

Dibattito / Marx, operaismo e teoria

Ho ricevuto da Antonio Peduzzi uno scritto di Mario Tronti, a proposito ed intorno alla sua ultima pubblicazione: “La teoria […]

Agosto 30th, 2020

“Aspromonte, la terra degli ultimi”

Note a margine del film di Mimmo Calopresti: “Aspromonte, la terra degli ultimi”. Comunità e destino di Pasquale Martucci   […]

Agosto 25th, 2020

Il pensiero / Hegel

Lo Spirito Assoluto nella dialettica hegeliana di Pasquale Martucci   Il 27 agosto di 250 anni fa nasceva Georg Wilhelm […]

Agosto 15th, 2020

Storia e radici – Il Cilento

Cilento: alla ricerca delle origini di Pasquale Martucci   Il Cilento è oggi una zona molto ampia, che parte dal […]

Luglio 24th, 2020

Idee e società – Ferdinand Tönnies

Il concetto di comunità in Tönnies di Pasquale Martucci   «La teoria della società riguarda una costruzione artificiale, un aggregato […]

Luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

Luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

Luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

Giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

Giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

Giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

Maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

Maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

Maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

Aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

Aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

Aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

Aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

Aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

Marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

Marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

Marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

Marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

Marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

Febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

Febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

Febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

Febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

Gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

Gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

Gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

Gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

Dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

https://www.ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

Dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

Dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

Dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

Dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

Dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

Novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

Novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

Novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

Novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

Novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

Ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

Ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

Ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

Ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

Ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

Settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

Settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

Settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

Agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

Agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

Agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

Agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

Luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

Luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

Luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

Giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

Giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

Maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

Maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

Maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

Maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

Maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

Aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

Marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

Febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

Febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

Febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

Febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

Dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

Luglio 13th, 2021

Cilentanità – definizione

Con questo scritto, inizio ad affrontare alcuni aspetti delle ricerche territoriali realizzate, partendo da una definizione. Il Cilento del novecento […]

Luglio 2nd, 2021

ERO’ meraviglie di un territorio

È sempre importante scoprire la disponibilità al pubblico di una rivista territoriale. Si tratta di ERO’, che ha un sottotitolo […]