List

Di seguito, alcune mie note e riflessioni contenute nella parte introduttiva della silloge di Emilio La Greca Romano: “Carmina et fragmenta”.

———————————

Quando Emilio La Greca Romano mi ha inviato la sua nuova raccolta invitandomi ad elaborare un’introduzione, ho risposto di provarci pur con riserva, rendendomi conto della complessità delle tematiche, ma consapevole degli stimoli che si producevano nella mia mente andando avanti con la lettura; e con il sorgere delle emozioni sono stato indotto ad appuntare parole, ad immergermi in un coinvolgimento totale. Infatti, le tante liriche, che hanno titoli icastici, conducono ad un’atmosfera pregna di sensazioni, accenti, pause, suoni, che permettono di catturare e trasmettere emozioni.

La poesia è una forma d’arte che recupera espressioni e sonorità. Deriva dal latino: póesis (produzione, creazione), che mutua dal greco poiéin (fare, produrre) e riconduce a poeta, inteso come operaio, autore di opere in versi. Vengo ad abitare nella via dei poeti / fatti di sangue e fango, / di sporche mani, / operai del cuore che sanno sapori di cucine / e suoni di venti e stanno arguti nei sensi / e in echi di palpiti vestono resistenza d’amore, riporta Emilio La Greca Romano, in: “La via dei poeti”.

In Italia, la poesia si diffonde soprattutto nel duecento in Sicilia per poi interessare Toscana e Italia centrale. Tra i più famosi poeti, ci furono in seguito Dante e Petrarca. C’è stato uno sviluppo in senso stilistico e con precise regole (metrica), mettendo insieme in sequenza: parole, versi, strofe, componimenti. (1)

I versi contengono proprio un versus, ovvero una riga, una fila, una disposizione del testo, che risponde ad una unità ritmica, accompagnato dal suono (lira, da cui lirica) e sancita da uno schema (metrum, misura, da qui metrica). La poesia, come prima forma letteraria scritta, attraverso elementi creativi e di libertà, permette di esprimere speranze, sogni, gioie, dolori, amore, immagini. È associata alla lirica, al canto lirico, tipico della cultura greca antica, che esprimeva nei versi l’importanza di patria, amore e natura.

La poesia per eccellenza è ancora considerata quella lirica, che individua: verso, come unità di misura del testo poetico; significante, caratterizzato da versi, rima, strofa, suoni e ritmo; significato, legato a scelte lessicali e sintattiche, figure retoriche di significato, di ordine e di posizione. Come si vede, si tratta di tanti elementi che utilizzati accuratamente permettono di esprimere, differentemente dalla prosa, una narrazione molto efficace. Il significato più tipico è quello connotativo, legato alle immagini che evoca il verso, ma anche quello figurato, per connettere parole con suoni e ritmo, e permettere di raggiungere sfere sempre più elevate di emozioni e pensieri. (2)

Con il passar del tempo la poesia acquisisce caratteristiche che la distanziano dall’attenzione allo stile per indirizzarsi ai contenuti. Ciò accade soprattutto nel novecento, quando i poeti subiscono influenze storiche, politiche e legate alla stretta attualità, portandoli ad evocare nei loro versi “le nuove relazioni tra la parola e il sentire”. Si tratta di rendere più “elastica e comprensiva la nozione stessa di lirica”. A partire dagli ultimi decenni del novecento, il disorientamento ideologico, la messa in discussione dei riferimenti culturali, la comunicazione di massa, i social media, più recentemente, hanno influenzato la poesia, portandola ad interessarsi alla concretezza della vita ed a questioni meno legate ad una lirica in senso stretto. (3)

Vincenzo Cardarelli produce liriche con temi legati a viaggio, morte e soprattutto il trascorrere del tempo. Il poeta è attento alle parole, ma anche alla musicalità della frase, al ritmo e ai suoni che restano, ad accostamenti lirici e concettuali che permettono di catturare l’attenzione del lettore per indurlo a riflessioni, ad aperture emozionali. Si tratta della ricerca di una prosa poetica definibile “alta”, che si affida alla complessità e ad una difficile etichettatura, oltre che alla tendenza ad esprimere le proprie passioni in senso non solo emotivo. (4)

La differenza sostanziale è oggi riferibile al rapporto poesia/prosa, in cui quest’ultima presenterebbe, secondo alcuni, una perdita di ricchezza espressiva e sonora: il testo poetico è scritto in versi (precise regole, lunghezza e ritmo), con funzione evocativa (musicalità ed effetti sonori, immagini, emozioni), con un messaggio “universale” che resta, a differenza della prosa. Oggi c’è anche una poesia che è prosa, con il tentativo di mettere in discussione i versi; una poesia di ricerca, che privilegia l’aspetto visivo, l’assemblaggio, la logica del discorso, la coerenza sintattica; una post-poesia, che molti non considerano affatto poesia. (5)

Ad ogni modo alcuni affermano che anche nella prosa c’è una musicalità, un ritmo, un accento, soprattutto quando essa riguarda un atteggiamento dell’animo, un modo di affermare la soggettività dell’uomo, “un realizzarsi del suo sentimento attraverso quello che egli pensa o si rappresenta”. (6)

Emilio La Greca Romano utilizza versi liberi, che non rispettano uno schema prestabilito di rime e non hanno la stessa lunghezza. In: “Tornerà bruma d’alba prima”: Crepuscolo ha parola di pentagramma / a danza di tuoi capelli gonfi di vento, / al tuo petto che rincorre indocile quiete, / amore nelle tenebre, infuocate labbra, / purpurea, larga passione in variopinta, / insolente bellezza. Cito ancora: “Tiepida parola e danza degli occhi”: A provocazioni affabili saggio silenzio / di pace o tormento, di quiete o moto? Assenza. Implacabile tuo acceso pensiero / corre tortuosi, accidentali tratturi silenti / nel bagliore accecante del vivo sole.

L’autore pare indirizzarsi in alcuni casi ad una poesia essenziale, che utilizza la parola quando è necessaria, facendola spesso arricchire di suoni che vengono rilevati nei versi: poesia pura e libera, con descrizione di stati d’animo, utilizzando sinestesie. Si potrebbe forse definire quello stile ermetismo? In La Greca Romano rilevo: “Madre”, e l’unico verso: Grandezza d’amore e d’assenza, ovvero l’amore enorme e sconfinato per la madre e l’assenza, la sua scomparsa quando si è ormai adulti e si sente forte quel distacco terreno. Ma qui, ognuno è libero di vagare nell’interpretazione. Oppure: “Noi d’amore”: Noi d’amore, d’amore soltanto. / Restando a bisogno di noi, / siamo chiara univoca portata, / fertile albore, unicità di parola / palpito di sole, ragione d’alba. Ancora: “Musiche”: Abbiamo musiche / diverse, multitono, / come vestiti leggeri, / ci stanno in un moto, / in una quiete, / nelle statiche frazioni / di pensiero e respiro. In: “Viaggio”: Sei un viaggio troppo lungo, / una grandezza che sfugge, / oltre tastiera finita, / ansiogena immensa melodia.

A ben vedere, temi e accenti molti diversificati.

Per parlare della nuova: “Carmina et fragmenta”, mi affido ad alcune liriche tratte dall’opera, scelte in maniera soggettiva e certamente non comprensive dell’intero pensiero, ma che illustrano alcuni temi principali legati essenzialmente ma non solo ad “amore”, che contiene in sé passioni, stati d’animo, ma anche tempo passato e ricordi, memoria e luoghi.

L’amore nell’intera raccolta è qualcosa che non è possibile definire, perché non è spiegabile, limitandosi a costituire sensazioni e tentativi di spiegazioni. In: “Non so dirti cos’è”, una delle più belle poesie contenute nella silloge, il poeta è certo di una sola cosa: Gridarti dal petto che siamo d’amore, d’amore soltanto.

L’inizio è coinvolgente: Non so dirti cos’è, / ma è voglia d’animo e corpo, / d’avventura insieme / nelle magiche spire / dei giorni che saranno, / negli epiloghi dei miracoli di luce / che raccolgono le sere; / non so dirti cos’è / se non pensiero di te / che ha forza di farsi vero segreto / abbraccio di cuore / nei ritorni di tenui crepuscoli.

Un esempio è: “Resti mai vaga, mai fallace paradiso”, che recita: Eri come d’una stagione non fatta, / tutta d’amore e d’attesa, / ti destinavi a sorriso di parole, / assumevi fragranza di cilentano mattino / che mi spaccava il petto / e abitava i tuoi occhi. / Eri tutta mia nelle parole carezzevoli / e ti avviluppavi nel rumore di allegra giovanile stagione. / E ora sei, ancora sei, nel seguitare di quest’alba, / ricerca d’amore e senso, / con brevi rughe / nella corsa del tempo nuovo / e mi accosto alla tua faccia / con fede di miracolo.In cui l’eri non è del tutto passato, infatti il sei rappresenta ancora il senso del desiderio, nonostante qualche ruga che non fa perdere l’amore, perché nella visione dell’amato sei pur sempre: “Rosa d’Afrodite”, dove si estrinseca carnalità e passione, estasi ed appagamento.

In: “Tuo venire nuovo”, il poeta si rivolge al cuore del lettore: Aria di luce, invito d’incontri, di ritorni, / di accese parole d’amore, / è la volontà del tuo petto; / ha suoni, rumori, silenzi / il tuo venire nuovo, la riconsegna di noi / nella musica del giorno che dilata / e mi accoglie il capo sul tuo vulnerabile ventre.

Provo a declinare questo amore, che non è solo contemplazione e struggimento ma anche desiderio, corpo e sensi: “Arresi agli amplessi”; oppure: “E t’ho vista arrivare”, con desiderio e vogliose labbra articolanti suoni e parole; oppure ancora: “Dammi labbra come fuoco della terra”, in cui la narrazione è affidata alla descrizione del corpo. Un corpo che non è nella sua interezza ma solo accennato in alcune parti, come una ruga che emerge nella contemplazione, ma mai corpi caduchi che potrebbero indurre ad abbandonare il desiderio (“Verità di baci tuoi e languide carezze”; “Nuda m’invadi”).

Poi c’è l’amore affidato ai ricordi giovanili, alle emozioni passate; l’amore dei luoghi che non sono più tali, vicoli cambiati, atmosfere caotiche, insomma l’avvento del nuovo. Luoghi nativi dunque evocati: “Paese accende nel bagliore”; “Viaggiamo nei paesi che siamo”; “Col Cilento negli occhi”; “Torniamo a sudata terra d’amore”; “Ora moto pace a Monte Cilento”.

L’amore affidato alle emozioni della parola cuore è molto presente nelle liriche. Si apre, fa sussultare di fronte al mare, altro elemento sognato e vissuto, in cui rifugiarsi quando prevalgono i pensieri: “Siamo d’amore e mare”; “Sapore d’amore e mare”; “Mare e pace”. Il mare si infrange a riva in un moto tranquillo, un moto che ti porta a desiderare le braccia dell’amata, ma è anche un movimento d’acqua che plasma la terra.

Qui natura e uomo si incontrano, e poi risacche, onde, gabbiani, ovvero una percezione profonda dell’elemento naturale e della sua relazione con il mondo umano, attraverso sconfinamenti e condizionamenti. D’Annunzio considerava la natura come entità viva e movimento continuo, in cui i sensi e l’animo dell’uomo dovevano avere una comunione con le forze della vita, un’unione con il tutto. E tutto ciò poteva  portare ad una sorta di panismo, che a tratti è presente nella raccolta. Cito l’attualissimo: “Coronavirus”: Oltre ombre educate passi fobia / di lacrime nostre / e comporti alba ancora mano nella mano / e labbra passino il cielo nella bocca, / e l’anima nascosta dell’amore in ogni petto / e d’aborto particelle in cerchio di gobbe.

Le poesie di Emilio La Greca Romano sono tante cose, ma soprattutto l’abbandono per alcuni attimi dei sentimenti, in una specie di sussulto che non è più rivolto alle evocazioni amorose, ma a criteri più meditati. C’è un rivolgersi al classicismo, a Elea o Poseidonia, alla filosofia antica, in cui prevalgono pensieri e melanconia, ricordi ed auspici. Qui la mitologia ha una funzione essenziale, con evocazioni legate a: natura, luoghi, mare, contenute in versi qua e là proposti: “Torrido sole di Leo”; “D’amore soltanto tornammo”; “Come di greca filosofia”; “Fresca carne d’amore a gemiti di sole”, in cui sono riproposte tante immagini del passato e di luoghi che hanno segnato la nostra cultura. In: “Stanchezza bella lamentata d’una vita antica”, si ammirano versi del tipo: e tutto passi immune, / si assuma ancora nostra comunanza / e quella stanchezza bella lamentata / d’una vita antica.

Non è trascurata poi la tradizione religiosa: “Col volto tuo negli occhi”; “Sciroccata Madonna di salsedine”; “Restiamo con fede alla vita”.

Nella silloge è evocato l’amore come svolgersi del giorno e del tempo, dall’alba alle tenebre, o viceversa, dalla vita alla morte, dalla penombra che porta lontano e poi fa risorgere. Mettendo insieme varie liriche, emerge l’immagine preponderante di una luna molto evocata: “Ricurvi ai sorrisi della luna”; essa è notte e buio: “Notte nera affoga l’alba”, forse morte e vita al tempo stesso, in quanto amplesso e desiderio di corpi che si congiungono (“Sei sera nelle mie braccia”).

Nella già citata: “Resti mai vaga, mai fallace paradiso”, il grappolo della vigna porta ad ubriacare, ovvero la sublimazione dell’orgasmo, che si consuma: “Nell’utero di giorno compiuto”, “Non mettiamoci dopo, rimandati a domani, nella volontà di un farsi impresente”. Poi la notte sfuma e sopraggiunge l’alba/aurora: “E’ alba dentro”, in cui la luce e il sole portano l’assenza di paura; “Albe d’anime”; “Accendi albe nuove con labbra allegre”; “Andiamo verso primi albori”; “A prosperi vigneti nell’alba nuova”, tutte sottolineano il risveglio, il sorgere del sole, il ridestare dei corpi.

In: “Croci bianche nell’avvento di resurrezione”, c’è un’originaria immagine di croci, respiri lontani non più presenti, sangue e morte, ma anche l’avvento di resurrezione, con le carezze del vento e con il sole, il giorno e il futuro.

Qui il poeta imprime le immagini vissute e provate. Osserva il corpo e ne traccia le sensazioni che evoca. Nella bella: “Persistenza d’infuocate labbra d’estate”, tra parole e attese, osservando il sole che segna lo scorrere del tempo, ricordi di natiche e schiene e poi sospiri e parole, si possono rammentare infuocate labbra d’estate. Lo sguardo si posa favorito dalla luce che piano piano illumina, un giorno che viene e riempie gli stessi cuori della bellezza degli scenari vivi, che si presentano agli occhi e ai cuori.

Nella: “Irrinunciabile estensione d’amore”, la lirica si presenta più meditata, non solo passione ma anche intelletto e riflessione in cui si parla di forma e materia, universo ed eterno, infinito … e poi di nuovo finisce con il rivolgersi alla bellezza del corpo.

Infine, il sole che ora riscalda e fa abbandonare le sensazioni perché è alto e non procura che rumori e grida, insomma la vita che si desta per vivere il quotidiano. Qui: “Giorno di paese”, in cui il sole porta allegria e speranza e fa sentire leggiadri, ma anche: “Leggiadri nel sole che in bei motti abbaglia”; “Trascini il cuore nel sole che ti sorge”; “Paese accende nel bagliore”; “Sole sulle tue labbra”; “Stiamo a miracolo di sole in baci d’amore”.

Il nostro introduce termini quali: amaritudine, disamore, insonnitudine, dolcitudine, legati a nostalgie e ricordi lontani, che possono affievolirsi e confondersi all’arrivo della donna amata: “E t’ho vista arrivare” (bellissima), con desiderio di carne, vogliose labbra articolanti suoni e parole.

La poesia di Emilio La Greca Romano è evocativa, in quanto compaiono struttura e musicalità, immagini ed emozioni, trasmettendo al lettore messaggi legati a sinestesie, personificazione rispetto al rapporto con la natura, similitudini e metafore. È una poesia oggettiva nel senso che è attenta a riconoscersi uno spazio al di fuori del tempo e della realtà (Cardarelli), ma assume connotazioni soggettive, in cui l’autore è presente in prima persona nell’esaltare l’amore e nel ricordo di temi legati alla natura e alla capacità di collocarla nel passato. È un soggettivismo lirico, in cui il soggetto è dentro e si occupa di un linguaggio a tratti simbolico. I poeti fanno una poesia onesta, come affermava Saba, con funzione conoscitiva capace di portarci verso verità profonde dell’animo umano e delle cose, che vengono tuttavia colte nella loro essenzialità ermetica (Ungaretti). (7)

Questo per affermare che oggi l’elaborazione poetica “è una vera e propria attività creatrice, che non presuppone nulla e crea a un tratto il suo mondo”. Ed allora non si può non asserire la funzione soggettiva, la libertà del soggetto che si crea un proprio mondo astratto e fantastico, ma ci sono le leggi del mondo cui nessuno può sottrarsi, che entrano “dentro di lui, nella sua coscienza, nel suo pensiero”. (8)

Consapevole di ciò, Emilio La Greca Romano lascia traccia senza spingere, fornisce immagini e parole, suoni che sostituiscono le parole, senza ulteriori spiegazioni. Sono gli stati d’animo che prevalgono e che quasi sempre sono confusi come un sonno da cui destarsi, cercando il sogno che invece emoziona. E sta al lettore provare a rendere i pensieri meno imperscrutabili.

Queste sono le sensazioni che producono queste liriche, queste sono le parole che mi va di imprimere sul foglio, non avendo che la prosa da offrire, e non certamente i suoni, le immagini, i versi che solo un poeta riesce ad esprimere compiutamente.

Note:

  1. C. Segre, C. Ossola (a cura di), “Antologia della poesia italiana. Il novecento”, voll. 5 e 6, Einaudi, 1997 – 1999.
  2. G. Lavezzi, “I numeri della poesia. Guida alla metrica italiana”, Carocci, 2006; N. Gardini, “Storia della poesia occidentale. Lirica e lirismo dai provenzali ai postmoderni”, Mondadori, 2005.
  3. G. M. Villalta, “Poesia”, Enciclopedia Italiana Treccani, appendice VII, XXI sec., 22-25; M. Cucchi, S. Giovanardi (a cura di), “Poeti italiani del secondo Novecento. 1945-1995”, Mondadori, 1995.
  4. C. Segre, C. Ossola, “Antologia della poesia italiana. Il novecento”, cit.
  5. Paolo Giovannetti, “La poesia italiana degli anni duemila. Un percorso di lettura”, Carocci, 2017.
  6. G. Gentile, “Poesia”, Enciclopedia Italiana Treccani, vol. XXVII, ed. 1949, 590.
  7. C. Segre, C. Ossola, “Antologia della poesia italiana”, cit.; M. Cucchi, S. Giovanardi, “Poeti italiani del secondo Novecento. 1945-1995”, cit.
  8. G. Gentile, “Poesia”, cit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 11
Gennaio 15th, 2021

Filosofia – Misano Adriatico

Sfide – I filosofi interrogano il nostro tempo Rassegna filosofica ON-LINE Comune di Misano Quali sono le sfide del XXI […]

Gennaio 13th, 2021

I 45 anni de LA REPUBBLICA osservando “anime e stelle danzanti”

Quando il 14 gennaio 1976 fa veniva pubblicato il primo numero del quotidiano: la Repubblica, lo aspettavano in tanti che […]

Gennaio 6th, 2021

Mutamento dei modelli di genere

Negli ultimi anni, la violenza sulle donne è diventato un problema di stringente attualità, da quando è emersa con grande […]

Dicembre 31st, 2020

BUON ANNO 2021 – L’importanza di essere diversi per realizzare la conoscenza

Alcune brevi note su un personaggio genio e sregolatezza. Edmund Kean (Londra, 17 marzo 1787 – Richmond, 15 maggio 1833), […]

Dicembre 27th, 2020

SMART WORKING

Dal taylorismo al telelavoro, dalle società pre-industriali a quelle post-industriali, il sociologo Domenico De Masi, affrontando gli ambiti di questo […]

Dicembre 16th, 2020

Diano e il Castello della Congiura

Teggiano con il suo centro storico medievale è collocata su un’altura a 637 metri s.l.m.; poi inizia la discesa lungo […]

Dicembre 8th, 2020

Un poeta e il suo tempo

Alcune riflessioni sul volume: A. Barbero, “Dante”, Laterza 2020 ……………….. Sabato 11 giugno 1289, il giorno di San Barnaba, Dante […]

Dicembre 2nd, 2020

San Giovanni a Piro: il Cenobio basiliano

San Giovanni a Piro è il paese degli archi, delle stradine strette, delle scale e balaustre, dei comignoli merlati, dei […]

Novembre 29th, 2020

Paese d’anima e memoria

Di seguito pubblico due poesie dense d’amore e ricordi del paese natio di Emilio La Greca Romano —————————————————————– “A tessitura […]

Novembre 24th, 2020

L’attualità di Spinoza

Baruch Spinozaè tra le figure più affascinanti e fraintese della storia della filosofia, come è accaduto a tanti pensatori vittime […]

Novembre 22nd, 2020

Terremoto dell’Irpinia … quarant’anni fa

Scene di pianto, volti atterriti, momenti di lutto, disagi esistenziali tornano oggi alla memoria: sono passati ben quarant’anni dal terremoto, […]

Novembre 14th, 2020

Il dominio dei Social Media

Lo sviluppo del web ha radicalmente trasformato la società con l’introduzione di tecnologie user-driven, come blogs, social networks e piattaforme […]

Novembre 8th, 2020

Ricordi e memoria / Torna com’eri quando …

Emilio La Greca Romano è tante cose: poeta e scrittore, docente e giornalista pubblicista (ha collaborato e collabora con diverse testate […]

Novembre 4th, 2020

C’era Molpa oltre Palinuro

Dal mare di Palinuro si possono osservare alcune grotte impareggiabili, rocce ed una spiaggia di sabbia che brilla. La leggenda […]

Ottobre 24th, 2020

Alla ricerca delle radici – Velia

La potenza di Elea di Pasquale Martucci   Nel territorio cilentano, una città molto importante fu certamente la romana Velia, […]

Settembre 8th, 2020

Dibattito / Marx, operaismo e teoria

Ho ricevuto da Antonio Peduzzi uno scritto di Mario Tronti, a proposito ed intorno alla sua ultima pubblicazione: “La teoria […]

Agosto 30th, 2020

“Aspromonte, la terra degli ultimi”

Note a margine del film di Mimmo Calopresti: “Aspromonte, la terra degli ultimi”. Comunità e destino di Pasquale Martucci   […]

Agosto 25th, 2020

Il pensiero / Hegel

Lo Spirito Assoluto nella dialettica hegeliana di Pasquale Martucci   Il 27 agosto di 250 anni fa nasceva Georg Wilhelm […]

Agosto 15th, 2020

Storia e radici – Il Cilento

Cilento: alla ricerca delle origini di Pasquale Martucci   Il Cilento è oggi una zona molto ampia, che parte dal […]

Luglio 24th, 2020

Idee e società – Ferdinand Tönnies

Il concetto di comunità in Tönnies di Pasquale Martucci   «La teoria della società riguarda una costruzione artificiale, un aggregato […]

Luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

Luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

Luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

Giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

Giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

Giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

Maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

Maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

Maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

Aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

Aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

Aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

Aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

Aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

Marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

Marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

Marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

Marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

Marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

Febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

Febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

Febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

Febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

Gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

Gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

Gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

Gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

Dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

https://www.ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

Dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

Dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

Dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

Dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

Dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

Novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

Novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

Novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

Novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

Novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

Ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

Ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

Ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

Ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

Ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

Settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

Settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

Settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

Agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

Agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

Agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

Agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

Luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

Luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

Luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

Giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

Giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

Maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

Maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

Maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

Maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

Maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

Aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

Marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

Febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

Febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

Febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

Febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

Dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

Dicembre 26th, 2020

Non so dirti cos’è (l’amore)

Di seguito, alcune mie note e riflessioni contenute nella parte introduttiva della silloge di Emilio La Greca Romano: “Carmina et […]

Dicembre 24th, 2020

“Nudi nel tepore di Natale”

Nell’augurare a tutti un FELICE NATALE, propongo una lirica tratta da: “Paese d’anima e memoria” di Emilio La Greca Romano […]