List

La ricerca del metodo

di Pasquale Martucci

 

Il 14 giugno 1920, cento anni fa, moriva a Monaco di Baviera (era nato ad Erfurt il 21 aprile 1864) Max Weber, considerato un personaggio centrale nella storia della sociologia e della cultura occidentale, per aver influenzato molte correnti di pensiero, dallo struttural-funzionalismo, alla teoria critica, all’interazionismo simbolico, all’etnometodologia.

Il suo capolavoro fu “L’Etica protestante e lo spirito del capitalismo” del 1905 (1), in cui trovano completa applicazione i suoi presupposti metodologici. Nell’opera il capitalismo è inteso come un fenomeno storico specifico che si sviluppa pienamente solo nell’Occidente moderno e non va confuso con la semplice sete di guadagno. E’, invece, una ricerca del profitto compiuta con metodi razionali e si serve di un’organizzazione innovativa del lavoro, di possibilità tecniche e di nuove conoscenze scientifiche. I presupposti culturali (lo spirito) del capitalismo affondano le proprie radici nell’etica protestante (calvinista soprattutto), che ha rivoluzionato la mentalità tradizionale attraverso: il concetto di predestinazione; la concezione del lavoro interpretato come conferma della grazia divina; il lavoro inteso come vocazione; la condanna dell’ozio, del lusso, della povertà e di qualunque forma di parassitismo. Il sociologo tuttavia è convinto che il capitalismo, anche senza la tensione religiosa, possa continuare a mantenere la centralità assegnata all’accumulo di ricchezza. Ed allora, la conclusione è che la religione non è determinante nelle attività economiche, anzi le inibisce contribuendo a trasformarle.

L’argomento di questo scritto intende soffermarsi sull’elaborazione teorica di Weber rispetto alle specificità, all’autonomia e al valore delle scienze storico-sociali. (2) E ciò perché la sociologia parte proprio dalle società storiche per conoscerle e porre interrogativi, cioè trarre da esse ispirazione ma poi mantenere una certa distanza per sviluppare teorie generali. E proprio questo fu l’intento di Max Weber, che voleva formulare concetti tipici per uniformare i processi empirici, partendo da una visione soggettiva dell’azione sociale, conforme ai criteri interiori dei soggetti agenti anche se in relazione con gli altri, perché nella società le azioni dell’uno orientano l’azione dell’altro e lo fanno reciprocamente.

In Economia e società, afferma: “L’azione è sociale nella misura in cui, in forza del significato che l’individuo, o gli individui le attribuiscono, essa tiene conto del comportamento degli altri e ne è a sua volta influenzata”. (3)

Si occupò dunque di studiare concetti utilizzati come “oggetti euristici”, anche se con l’avvertenza che la storia non può essere ridotta ad un semplice sistema di leggi, perché essa non mostra cicli conclusi, né un progresso lineare. Per Weber la storia, o meglio la sociologia storica, riguardava sia l’individualità che le generalità, e per unificare proprio individuo e società occorreva elaborare principi generali, che chiamò “tipi ideali”. Si trattava di costruzioni mentali, generalizzazioni e astrazioni dalla realtà che sono di aiuto proprio nella definizione dei casi e delle situazioni concrete. L’assunto era che non esiste una sola causa ma vari fattori che determinano un dato evento, per cui occorreva trovare concetti utili per la ricerca del mondo reale. E la sociologia aveva proprio il compito di costruire questi concetti, che poi la storia avrebbe utilizzato per analizzare fenomeni specifici.

Per Weber la prima cosa da fare era la comprensione dei fenomeni sociali (verstehen), che derivava dall’ermeneutica: comprendere il pensiero dell’autore e la struttura del testo ed estenderlo alla vita sociale, cioè cogliere il significato dietro l’evento osservato. Qui c’è la differenza tra fenomeni naturali (spiegati tramite proposizioni confermate dall’esperienza) e comportamenti umani (presentano una “intelligibilità” intrinseca per il fatto di essere dotati di coscienza). L’idea è mutuata dalla psicopatologia di Jaspers e dalla distinzione tra spiegazione e comprensione, anche se la comprensione sociologica è differente da quella psicologica. Questo poteva essere fatto attraverso una ricerca sistematica e rigorosa, con uno studio razionale. Poi era necessario lo studio della causalità, la probabilità che un evento fosse seguito ed accompagnato da un altro evento, prestando attenzione ad intrecci tra economia, società, politica, organizzazione, religione. L’azione, la condotta umana, è interpretabile in rapporto alle “valutazioni” e ai “significati”. Ciò che si deve fare (causalità adeguata) è avanzare affermazioni probabilistiche riguardo al rapporto tra fenomeni sociali: valutare il grado per cui un certo effetto è favorito da determinate condizioni.

Si è accennato ai “tipi ideali”, che tanta parte avranno in seguito nella costruzione delle ricerche in ambito sociologico, intesi come strumento concettuale. Ebbene, dice Weber, si tratta di concetti costruiti da uno scienziato sociale sulla base dei propri interessi e del proprio orientamento teorico, al fine di cogliere le caratteristiche essenziali di qualche fenomeno sociale.

Ne: Il metodo delle scienze storico-sociali, afferma: “La loro funzione è di permettere il confronto tra realtà empiriche al fine di stabilire divergenze o analogie per descriverle con i concetti più precisi e intellegibili e per comprenderli e spiegarli in termini causali”. (4)

La classificazione è dei vari tipi d’azione: “razionale in rapporto a un fine”; “razionale in rapporto a un valore”; “azione affettiva o emotiva”; “azione tradizionale”. Si trattava dell’interpretazione weberiana dell’epoca in cui viveva, quello della razionalizzazione.

Per fare l’esempio della “burocrazia ideal-tipica”, si possono notare le differenze tra caso reale ed esagerazioni del tipo ideale, individuabili nell’azione burocratica, nelle sue cause e deviazioni: disinformazione, errori strategici, sbagli logici, decisioni emozionali, azioni irrazionali. Dunque, costruito un tipo ideale viene da sé ragionare sulle differenze rispetto a quella che sarebbe la condizione ottimale. Per cui questi costrutti logici devono essere realizzati dai ricercatori immergendosi nella realtà storica e ricavandone gli elementi per la sintesi. Non si tratta di immagini speculari del mondo reale, ma di esagerazioni unilaterali dell’assenza di ciò che accade nel mondo reale, perché la situazione ideale difficilmente si trova nel mondo reale. I tipi ideali sono dinamici perché dinamica ed in continuo cambiamento è la società: sono edifici su cui installare una serie di modelli, utilizzati per analizzare processi storici. Ed allora ci sono: “tipi ideali storici”, “tipi ideali sociologici generali”, “tipi ideali di azione”, “tipi ideali di struttura”. E così nei vari ambiti: economia (interessi materiali), cultura (interessi ideali), politica (situazioni di dominio).

Si è detto che ciò che distingue le scienze storico-sociali dalle scienze naturali è il suo oggetto, che si osserva isolando un oggetto specifico dagli altri. Per questo motivo, secondo Weber, la conoscenza è sempre dominata dall’unilateralità: si sviluppa sulla base di alcuni valori o punti di vista e non può mai avere la pretesa di comprendere la totalità della realtà storico-sociale, perché i campi di ricerca sono circoscritti sulla base di una scelta soggettiva. Ed allora, pur muovendo da presupposti “soggettivi”, il problema è se esistono le condizioni che fanno sì che i risultati di tali scienze possano ritenersi “oggettivamente validi”. Oltre alla comprensione di cui si è trattato, la condizione che potrebbe permettere l’oggettività della ricerca è “il criterio dell’avalutatività”: i fenomeni devono essere descritti e non valutati. E’ l’esplicitazione del principio di neutralità.

Weber sostiene l’importanza di esprimere fatti e non opinioni, non valori personali: ciò si deve estendere anche alla ricerca, che deve seguire procedure ordinarie, osservazione rigorosa, comparazione sistematica. Selezionare una parte di realtà che incarna valori importanti per gli esseri umani, studiare la realtà sulla base di valori condivisi che poi sono quelli di interesse per l’europeo moderno. Approfondendo oltre, il sociologo giungeva a sostenere che fatti e valori difficilmente potessero essere scissi, ma che fosse importante rendere consapevoli se stessi e il pubblico dei valori cui si fa riferimento.

Ad ogni modo, nelle sue ricerche più volte non fu immune dall’esprimere giudizi di valore. La conclusione è che le scienze sociali sono le ultime che possono arrogarsi il diritto di dire quali scelte fare, ovvero il ricercatore non può dire alle persone cosa fare. E’ il principio della non scelta, ma è soprattutto il principio del distacco dal proprio interesse per trovare risposte universalmente valide alle domande che il ricercatore si pone. Weber parla allora di etica della responsabilità (azioni come mezzi-fini), ma anche di etica della convinzione (agire secondo i propri personali sentimenti, secondo coscienza).

Sull’esempio weberiano e attraverso un approccio qualitativo, da anni svolgo lavoro di ricerca socio-antropologica, avendo presente proprio la realizzazione di un processo conoscitivo, che veda lo sviluppo di forme interattive sempre più collocate a livello problematico. Come sosteneva Ferrarotti, il ricercatore è dentro la ricerca, ma è anche “un ricercato”, per cui la ricerca non è più una comunicazione ad una sola via (l’agente e chi subisce l’azione) ma è un “dialogo” che tende a cogliere il punto di vista altrui” e mettere in discussione le proprie credenze e conoscenze per consentire al ricercatore di acquisire e comprendere “i significati attribuiti da altri alle cose”. Nel lavoro è necessario porre la dovuta attenzione alla verifica dei dati rilevati, al rapporto tra testo e contesto, legando soggettività e oggettività per attenuare le distanze e realizzare il principio di responsabilità di coscienza.

Collocando entro un processo storico le teorie riguardanti la conoscenza, la fede, la scienza, il diritto, l’economia, ma anche più concretamente l’azione, la razionalizzazione, l’organizzazione burocratica, Max Weber è riuscito ad esercitare una profonda influenza sullo sviluppo del pensiero sociologico e non solo. Ed ha offerto utili strumenti metodologici a tanti studiosi che ancora oggi svolgono importanti ricerche sui fenomeni sociali.

 

Note

  1. In Italia l’UTET ha pubblicato nel 1977: “Sociologia delle religioni”, che contine l’Etica protestante e lo spirito del capitalismo e la Sociologia delle religioni. Cfr.: anche: Etica protestante e lo spirito del capitalismo, Leonardo 1945; Sansoni 1965.
  2. Altre opere degne di menzione di Max Weber, tradotte in italiano, sono: “Il metodo delle scienze storico-sociali”, Einaudi 1958, 1966, 1989; “Il lavoro intellettuale come professione”, Einaudi 1948, 1966; “Economia e società”, Comunità 1961, 1968, 1980; “Scritti politici”, Giannotta 1970. Poi ci sono scritti e lezioni su argomenti politici ed economici, una vasta letteratura critica, molte interpretazioni ed esposizioni della sociologia weberiana. Sul Metodo, l’edizione Einaudi del 1958 propose quattro significativi saggi epistemologici: L’oggettività conoscitiva della scienza sociale e della politica sociale (1904); Studi critici intorno alla logica delle scienze della cultura (1906); Alcune categorie della sociologia comprendente (1913); Il significato della “avalutatività” delle scienze sociologiche e economiche (1917-1918).
  3. M. Weber, “Economia e Società” vol. I, Comunità 1980, 4.
  4. M. Weber, “Il metodo delle scienze storico-sociali”, Einaudi 1989, 43.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 10
Novembre 29th, 2020

Paese d’anima e memoria

Di seguito pubblico due poesie dense d’amore e ricordi del paese natio di Emilio La Greca Romano —————————————————————– “A tessitura […]

Novembre 24th, 2020

L’attualità di Spinoza

Baruch Spinozaè tra le figure più affascinanti e fraintese della storia della filosofia, come è accaduto a tanti pensatori vittime […]

Novembre 22nd, 2020

Terremoto dell’Irpinia … quarant’anni fa

Scene di pianto, volti atterriti, momenti di lutto, disagi esistenziali tornano oggi alla memoria: sono passati ben quarant’anni dal terremoto, […]

Novembre 14th, 2020

Il dominio dei Social Media

Lo sviluppo del web ha radicalmente trasformato la società con l’introduzione di tecnologie user-driven, come blogs, social networks e piattaforme […]

Novembre 8th, 2020

Ricordi e memoria / Torna com’eri quando …

Emilio La Greca Romano è tante cose: poeta e scrittore, docente e giornalista pubblicista (ha collaborato e collabora con diverse testate […]

Novembre 4th, 2020

C’era Molpa oltre Palinuro

Dal mare di Palinuro si possono osservare alcune grotte impareggiabili, rocce ed una spiaggia di sabbia che brilla. La leggenda […]

Settembre 8th, 2020

Dibattito / Marx, operaismo e teoria

Ho ricevuto da Antonio Peduzzi uno scritto di Mario Tronti, a proposito ed intorno alla sua ultima pubblicazione: “La teoria […]

Agosto 30th, 2020

“Aspromonte, la terra degli ultimi”

Note a margine del film di Mimmo Calopresti: “Aspromonte, la terra degli ultimi”. Comunità e destino di Pasquale Martucci   […]

Agosto 25th, 2020

Il pensiero / Hegel

Lo Spirito Assoluto nella dialettica hegeliana di Pasquale Martucci   Il 27 agosto di 250 anni fa nasceva Georg Wilhelm […]

Agosto 15th, 2020

Storia e radici – Il Cilento

Cilento: alla ricerca delle origini di Pasquale Martucci   Il Cilento è oggi una zona molto ampia, che parte dal […]

Luglio 24th, 2020

Idee e società – Ferdinand Tönnies

Il concetto di comunità in Tönnies di Pasquale Martucci   «La teoria della società riguarda una costruzione artificiale, un aggregato […]

Luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

Luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

Luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

Giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

Giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

Giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

Maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

Maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

Maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

Aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

Aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

Aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

Aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

Aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

Marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

Marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

Marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

Marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

Marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

Febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

Febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

Febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

Febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

Gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

Gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

Gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

Gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

Dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

https://www.ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

Dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

Dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

Dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

Dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

Dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

Novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

Novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

Novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

Novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

Novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

Ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

Ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

Ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

Ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

Ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

Settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

Settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

Settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

Agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

Agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

Agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

Agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

Luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

Luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

Luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

Luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

Giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

Giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

Maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

Maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

Maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

Maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

Maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

Aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

Marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

Febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

Febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

Febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

Febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

Dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

Ottobre 26th, 2020

Concorso di poesia “La perla del Lazio”

II Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Gaeta Perla del Lazio” organizzato da “Il Saggio Editore” in collaborazione con “Fondazione Caboto”, […]

Ottobre 24th, 2020

Alla ricerca delle radici – Velia

La potenza di Elea di Pasquale Martucci   Nel territorio cilentano, una città molto importante fu certamente la romana Velia, […]

Ottobre 17th, 2020

Pensieri ed idee / Michelstaedter

La via della persuasione in Carlo Michelstaedter di Pasquale Martucci   «Cosa che mi possa fare diverso da quel che […]

Ottobre 10th, 2020

“FRATELLI TUTTI” – Sull’enciclica di papa Francesco

“FRATELLI TUTTI” Note sull’ultima enciclica di papa Francesco tra questioni politiche e sociali di Pasquale Martucci   Al centro dell’ultima […]