Pasquale Martucci
Publication year: 2020

Cilento: alla ricerca delle origini

di Pasquale Martucci

 

Il Cilento è oggi una zona molto ampia, che parte dal fiume Sele e giunge all’estremo lembo del Golfo di Policastro, tra il mare Tirreno e i confini ad est della Campania. Quest’area è il Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, istituito con L. 394 del 6.12.1991, mentre l’Ente Parco, l’autorità di gestione, è stato costituito con DPR del 5.6.1995. Ha una superficie di 181.048 ettari, con un’altitudine che varia tra 0 e 1.899 m. s.l.m. Il simbolo distintivo è la Primula Palinuri, che si trova su rupi calcaree fino ai quattrocento metri di altezza, tra Palinuro a Marina di Camerota. Sono 76 i comuni che fanno parte del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

Tutto il territorio è caratterizzato da rilievi montuosi che discendono verso il mare: quest’ultimo si infrange una costa formata da spiagge, insenature e promontori, interessati da fenomeni carsici e ricchi di grotte marine e sorgenti d’acqua dolce. Nella parte orientale i rilievi più importanti sono gli Alburni e il Cervati; in quella occidentale il monte Gelbison e il monte Stella; a sud il monte Bulgheria. Dalle terre costiere a quelle interne, l’andamento segue la conformazione dei corsi d’acqua e si incunea tra le sommità e i pendii, le rocche e i monasteri del potere feudale ed ecclesiastico del passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.