Pasquale Martucci
Publication year: 2022

Sono alcuni anni che importanti istituti di ricerca, sotto la spinta di progetti e finanziamenti, si occupano di studiare la sofferenza di un’intera generazione giovanile, quella che va dai 15 ai 34 anni, che non lavora, non studia, non si forma. È stato analizzato nelle sue molteplici sfaccettature il fenomeno NEET (Not in Education, Employment or Training), indicando percorsi integrati multi-misura di media-lunga durata, per sostenere la necessità di innalzare competenze, livelli di istruzione, con interventi di accompagnamento e inserimento al lavoro. La fotografia di questa condizione risulta essere impietosa: nell’ultimo decennio il problema si è ingigantito, più al sud che al nord (in media con quello europeo), più tra le donne, più con il crescere dell’età. Il recente Rapporto: “NEET tra disuguaglianze e divari. Alla ricerca di nuove politiche pubbliche” (Futura, novembre 2022), curato da ActionAid-CGIL Nazionale, con prefazione di Giustina Orientale Caputo, Alessandro Rosina e Chiara Saraceno, sottolinea la necessità di un ripensamento radicale delle politiche adottate. Occorre riconsiderare i servizi, lavorare a stretto contatto con i territori, rafforzare le reti di prossimità, intercettare i giovani più lontani dalle opportunità. E ripensare soprattutto strumenti e politiche pubbliche: ad esempio, Garanzia Giovani, Contrasto alla precarietà nel lavoro, Rilancio degli investimenti sul sistema pubblico di istruzione e formazione, Pieno ed efficace utilizzo delle ingenti risorse che l’Europa sta mettendo a disposizione, dal PNRR ai Fondi strutturali, sarebbero questi gli ambiti su cui agire per invertire la tendenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.