Pasquale Martucci
Publication year: 2021

Il I° Congresso del Partito Comunista d’Italia, quello fondativo, si svolse a Livorno il 21 gennaio 1921, dopo che i delegati della frazione comunista abbandonarono il teatro Goldoni, dove si svolgeva il XVII Congresso del Partito Socialista Italiano, e cantando l’Internazionale si recarono al teatro San Marco. Durante il XVII Congresso socialista, si affermò la corrente massimalista-unitaria, guidata da Serrati, la più numerosa e forte, favorevole all’Internazionale comunista ma con molte riserve; la corrente comunista, formata dagli ordinovisti di Gramsci e dagli astensionisti di Bordiga, appoggiati dall’Internazionale, pur giungendo seconda ebbe più della metà dei voti della componente serratiana. Infine, i riformisti di Turati, contrari ai principi dell’Internazionale, giunse molto distaccata: al Congresso il loro leader aveva ribadito con forza il rifiuto della dittatura del proletariato, della rivoluzione e della violenza delle masse, proponendo una graduale azione parlamentare riformista. Dopo quel Congresso, temendo di perdere delegati e nel tentativo di arginare la fuga della classe lavoratrice, Serrati e Turati si affrettarono ad accettare “principi e metodi comunisti”. Ma questa mossa non bastò ad evitare la scissione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.