Pasquale Martucci
Publication year: 2019

Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò le pubblicazioni la rivista di cultura socialista: “L’Ordine nuovo”, fondata da Antonio Gramsci, insieme a Togliatti, Tasca e Terracini. Da quella data, comincia l’intensa produzione pubblicistica del pensatore sardo, uno dei principali interpreti di un modo nuovo di affrontare il cambiamento sociale e culturale nel Paese.

(…)

Nella sua analisi sulla struttura culturale e politica della  società, elaborò un concetto importante: quello di egemonia. Sviluppò poi argomentazioni sulla questione meridionale e sul folklore, ovvero ciò che riguarda l’economia delle nostre argomentazioni.

Aveva da subito maturato la convinzione che, attraverso una sintesi tra teoria e prassi, occorresse passare all’azione per affermare le rivendicazioni ed attenuare le distanze tra ceti dominanti e dominati. Le distanze però si potevano ridurre solo con l’acquisizione della consapevolezza degli umili della propria condizione, attraverso la crescita e l’educazione delle masse.

Elaborando riflessioni già affrontate, produsse quello che è considerato il suo saggio più importante: “Alcuni temi sulla quistione meridionale”, iniziò a scriverlo nell’autunno del 1926, che in seguito amplierà ed integrerà nei “Quaderni del carcere”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.