Pasquale Martucci
Publication year: 2019

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine

di Pasquale Martucci

 

Assistere ad un intervento del sociologo francese Alain Touraine, uno dei massimi pensatori attuali, è sempre un evento.

In occasione dell’incontro, che si è svolto a Bologna (RepIdee, 8 giugno 2019) con Ilvo Diamanti e Sergio Rizzo, sono apparse particolarmente interessanti le sue argomentazioni a proposito della crisi della società moderna, desoggettivata, teorizzando su un attore/soggetto che riveste un ruolo creativo nella costruzione dell’ipermodernità.

Touraine ha di recente prodotto un importante volume: “In difesa della modernità” (2019), per affermare nella società futura il concetto di soggettivazione. Se in precedenza i conflitti e le contrapposizioni si organizzavano intorno ad interessi economici, “possiamo affermare che il XXI secolo sarà quello dello scontro tra soggettivazione e desoggettivazione”.

Touraine individua una società in movimento, un movimento culturale globale, una evoluzione che consideri la complessità che ci circonda. Si tratta di un movimento attento a tutte le forme di sviluppo che inevitabilmente, se legate ai temi dell’accumulo di ricchezza e potere nelle mani di pochi, possono produrre le crisi e le disuguaglianze che investono le nostre società.

Il sociologo francese crede che il concetto che meglio possa esprimere le tendenze in atto, e quelle di una società intesa come ipermoderna, sia individuabile nella soggettivazione, ovvero l’acquisizione della consapevolezza del ruolo del soggetto/agente che si muove nella società.

Un ruolo che, ben inteso, sia svolto entro una cornice che consideri i diritti umani fondamentali e universali (libertà, uguaglianza, dignità) inderogabili e superiori alle leggi in essere, se le leggi continuamente cercano di violarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.